skin adv

L’AcquaeSapone e il Montesilvano si presentano: “Insieme per vincere tutto”

 28/06/2013 Letto 1229 volte

Categoria:    Serie A
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    ACQUAESAPONE





L’AcquaeSapone Calcio a 5 raddoppia, anzi triplica. La società della famiglia Barbarossa accoglie nella sua compagine Antonio Iervolino e le forze del Città di Montesilvano. La società nerazzurra proseguirà la propria attività in serie A, con alcuni rinforzi in società e nel roster provenienti dal Montesilvano, che invece rinuncia alla massima serie e si iscrive al torneo di serie B, dove fungerà da squadra satellite, da palestra per i giovani del vivaio. Nasce anche una terza società, con nuova matricola in Figc, che giocherà nel prossimo campionato di serie A femminile. I tre club, che giocheranno le gare casalinghe al Palaroma di Montesilvano (mentre tutto il settore giovanile dell’AcquaeSapone proseguirà tutta l’attività al Pala Castagna di Città Sant’Angelo), avranno tutti il marchio AcquaeSapone sulle maglie. E la stessa voglia di vincere e farsi rispettare nei rispettivi campionati.

 
IERVOLINO - “Era doveroso non buttare via i trent’anni del Montesilvano e i diciassette dell’AcquaeSapone, così abbiamo trovato un escamotage per tenere in vita le due società, anche se una rinuncerà alla serie A”, dice Antonio Iervolino, che sarà il presidente del Montesilvano in serie B. “Dopo anni di amicizia – aggiunge Iervolino – , abbiamo deciso di unire le forze per affrontare le difficoltà economiche di questi tempi, per essere competitivi. Abbiamo riportato a casa Borruto, porteremo giocatori del Montesilvano all’AcquaeSapone, come Mammarella. La nostra società farà la serie B, mentre una terza società giocherà nella serie A femminile: sarà autonoma, con un altro numero di matricola, per poter sfruttare al meglio i regolamenti, come la possibilità di tesserare un’atleta straniera. Siamo felicissimi di questo progetto, ma speriamo di arrivare a giugno ancora più felici di quanto lo siamo oggi”.
 
BARBAROSSA - Nando Barbarossa prosegue la presentazione della nuova realtà, che non è una fusione, ma qualcosa che va oltre una semplice denominazione: “Con Iervolino c’è una stima che ci accomuna da tempo. Ho conosciuto in questi giorni anche Troilo e Mazzocchetti, sono contento di averli in società. Allestiremo una squadra per vincere il campionato, dopo essere entrati tra le prime quattro. Ma una cosa è il campionato estivo, un’altra quello che parte a settembre. Intanto la miglior squadra possibile è nata fuori dal campo: abbiamo un gruppo solido all’AcquaeSapone che forse aveva bisogno di stimoli per fare il grande salto. Con questo progetto possiamo riuscirci. L’intento è fare bene insieme, questo obiettivo comune verrà fuori con il passare delle settimane. Peccato non ci siano più i tre derby abruzzesi, ma solo due. Vogliamo vincere quelli contro il Pescara, che sta costruendo una grande squadra. Le abruzzesi vogliono diventare due grandissime della serie A, come sono state le venete ultimamente”.
 
LA ROSA - A disposizione di Massimiliano Bellarte, quindi, nella prossima stagione, ci saranno i seguenti punti fermi: Calderolli, Cuzzolino, Mammarella, Borruto, Burato, Scordella, Caetano, Chaguinha, Murilo Ferreira, Coco Schmit, Zanchetta, Montefalcone ed Egea.
 
BELLARTE - Bellarte ascolta i patron e gongola: “L’obiettivo è vincere lo scudetto e la Coppa Italia, il massimo raggiungibile. La società mi sta allestendo un roster capace di lottare per questi traguardi. Quello che mi ha sempre contraddistinto è il coraggio di portare avanti la mia identità, anche nelle categorie inferiori. Cercherò di essere coraggioso, ma sempre con l’equilibrio che serve per un progetto del genere”, dice il confermato coach di Ruvo.
 
MAMMARELLA - Stefano Mammarella si toglie dal mercato e posa accanto alla sua nuova società: “Sposare questo progetto è un’ottima cosa: due potenze che potranno costruire una squadra molto solida, che potrà fare cose importanti. A noi giocatori il compito di fare del nostro meglio per aiutare la società a vincere”.
 
IL COBRA - Titì Borruto osannato dai tifosi che assiepano la sala conferenze del Palaroma: “Speriamo di vincere tutto, come abbiamo fatto con la Daf. Sono contento di tornare in una famiglia. Questa collaborazione rende tutto ancora più bello, perché saremo una squadra davvero importante”.
 
Ufficio stampa e comunicazione
AcquaeSapone Calcio a 5
Orlando D’Angelo