skin adv

Prato, Candeloro non si arrende: "Servirà un'impresa, ma io ci credo"

 16/05/2019 Letto 201 volte

Categoria:    Serie A2
Autore:    Redazione
Società:    PRATO





Il playout per restare in serie A2 si decide sabato, con la partita di ritorno tra il Prato e la Roma. All’andata sono stati i giallorossi a portare a casa il successo, passando con un risultato netto, per 1-4, in casa dei toscani. Adesso, quindi, il Prato è chiamato ad un’impresa. Il diesse Andrea Candeloro non ha dubbi su una cosa: i suoi ragazzi daranno l’anima in campo

ANDATA – Candeloro ha parlato del match d’andata. “Partita che ci ha preso in contropiede. Forse eravamo troppo convinti di fare risultato, venivamo da una settimana di preparazione estremamente positiva, e quando ci siamo trovati in gara abbiamo avuto un approccio totalmente sbagliato. Poi la Roma comunque è un’ottima squadra, e quindi ci ha giustamente punito per questa nostra eccessiva leggerezza. Complimenti a loro per la partita d’andata, ma noi abbiamo molto da recriminare con noi stessi”.

IMPRESA – “Nella partita di ritorno chiaramente il nostro obiettivo è cercare di ribaltare le sorti del playout - continua il diesse -. Vogliamo tenerla viva fino alla fine, anche se non sarà facile. Abbiamo un margine di 3 gol da recuperare, perciò per ottenere la salvezza dobbiamo fare 4 gol in più rispetto ai nostri avversari. Non è una partita semplice, la posso definire un’impresa. Il mio problema, se posso così definirlo, è che quando parlo della mia squadra sono sempre ottimista, a volte anche in maniera ingiustificata. Io, però, conosco le potenzialità e le peculiarità della mia squadra, e so che i miei ragazzi possono farcela a tenerla viva fino in fondo”.

LA STAGIONE – Candeloro ha anche fatto un quadro di tutta la stagione, caratterizzata tanto dalle prestazioni in campo quanto da situazioni estranee al terreno di gioco. “Quest’anno è stato assurdo, tutto quello che ci poteva succedere ci è successo. Ci sono state partite in cui ci siamo presentati a ridosso del fischio d’inizio. A gennaio, come tutti saprete, il pullman della squadra è rimasto coinvolto in un incidente, di tutto e di più. Annate così comportano poi situazioni come questa: nonostante le grandi potenzialità e le capacità di società e giocatori, ti ritrovi a lottare fino alla fine per mantenere la categoria. Per fortuna, però, il Prato è una società forte, e sa reggere l’urto con tutte le avversità. Spero veramente che in campo anche i ragazzi facciano vedere quello di cui sono capaci, perché hanno grandi potenzialità, che adesso sono chiamati assolutamente a mostrare”.


Giuseppe Nebbiai





Pubblicità