skin adv

Il Prato secondo Lami: "Serie B o A2, la categoria non inciderà sui principi"

 29/08/2019 Letto 294 volte

Categoria:    Serie B
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    PRATO





Classe 1972, una lunga esperienza di futsal e beach soccer, Nico Lami è il nuovo allenatore del Prato. Ecco le prime dichiarazioni ufficiali del tecnico toscano: “Avevo detto che sarei tornato ad allenare solo in casi eccezionali e questo decisamente lo è”.

Mister Lami, benvenuto in maglia laniera. Perché ha scelto il Prato C/5 per tornare al futsal?
Non ho scelto il Prato, è il Prato che ha scelto me. Io ho solo fatto la cosa più normale. Come ben saprete io vivo di sport, ho un contratto come docente del Settore Tecnico a cui do la mia assoluta priorità. Premesso questo, ho sempre detto che non avrei più allenato se non per casi eccezionali. Il Prato è il caso eccezionale per antonomasia, dato che secondo me qui si dovrebbe venire ad allenare anche gratis, perché a Prato c’è la storia del futsal. Invece, e ne approfitto per ringraziarli, il direttore Candeloro ed il presidente Apicella hanno fatto in modo, anche economicamente, che io non potessi dire di no. Conosco il direttore dal 2007 mentre ho avuto modo di approfondire la conoscenza del presidente in tempi più recenti. Apprezzo moltissimo la sua attitudine al rifiuto del contraddittorio mediante strumenti tipo quelli dei social, pensando al bene della squadra, a cui si dedica a 360 gradi, piuttosto che alle critiche – spesso frutto di invidie ed infondate – a lui rivolte da chicchessia. Con direttore e presidente abbiamo subito condiviso molti intenti, compresa la mia volontà di interagire con il settore giovanile allo scopo di migliorare e crescere tutti insieme. Domani avrò un incontro con tutti i tecnici delle squadre giovanili per tracciare delle linee guida.

Che tipo di squadra imposterà? Come sarà il suo Prato?
"La categoria con cui dovremo rapportarci, serie B o serie A2, determinerà molto quella che sarà l’attitudine, ma non inciderà sui principi. Il sistema di gioco non lo determina l’allenatore, ma ahimè l’atteggiamento dell’avversario. Dovranno essere i giocatori – protagonisti assoluti del gioco – a trovare le giuste soluzioni. Il sottoscritto avrà l’incarico gravoso di proporre ai giocatori strumenti allenanti contestuali al gioco, dai quali far sviluppare proprietà emergenti frutto di una autoorganizzazione, peculiarità di un sistema complesso come è quello di una squadra di futsal".

Cosa si aspetta da questa stagione? Se potesse scegliere, meglio la B o la A2?
Mi aspetto una crescita individuale e di conseguenza collettiva del gruppo. La categoria in cui militeremo sarà determinante. Abbiamo una squadra importante per la serie B. La A2 vede ai nastri di partenza alcune formazioni da categoria superiore e quindi le difficoltà aumenterebbero. La sfida però ci piace. Non avrebbero senso altrimenti la richiesta di ripescaggio ed il successivo ricorso per potervi partecipare.

IL CURRICULUM
Futsal: Vicarello (serie D, C2, C1), Tirrenia (serie B), Cus Pisa (serie B)
Futsal giovanile: Cus Pisa (titolo regionale Allievi, scudetto Universitario), Five To Five, Rappresentativa Toscana Juniores
Beach Soccer: Prato, Livorno, Pisa (serie A), Catania (serie A, scudetto e Coppia Italia vinti da vice-allenatore)
Insegnamento: mister Lami è docente tecnico della FIGC, istruttore cioè ai corsi federali per allenatori organizzati dal Settore Tecnico




COPIA SNIPPET DI CODICE

Pubblicità