skin adv

Giovinazzo, Mongelli suona la carica: "Il derby non si gioca, si vince"

 21/09/2019 Letto 142 volte

Categoria:    Serie B
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    GIOVINAZZO





“Con il Manfredonia C5 è stata la prima uscita stagionale e nonostante ciò abbiamo giocato, soprattutto in avvio di gara, con grande impegno e approccio mentale. Siamo dispiaciuti per la sconfitta e l’eliminazione dalla Coppa della Divisione. Ora, il modo di parlare che abbiamo è vincere il derby. Dobbiamo far parlare il campo”. È questo ciò che ha in mente Michele Mongelli, laterale del Giovinazzo C5, alla vigilia della gara di sabato pomeriggio, con fischio d’inizio fissato alle ore 16.00, nel domicilio delle Aquile Molfetta nel primo match del triangolare 4, inserito nel gruppo 7 della Coppa Italia cadetta: “Il gruppo è nuovo, siamo al lavoro da soli 18 giorni - prosegue l’atleta molfettese -, ci sono diversi giocatori nuovi, innesti di assoluto valore, e questo è un punto di partenza: ora è fondamentale che il collettivo trovi l’amalgama giusta, perché questa è la vera forza di una squadra. Sappiamo che le aspettative societarie sono alte: tocca a noi trasformarle in qualcosa di positivo”.

GLI AVVERSARI - Dall’altra parte del parquet, però, ci saranno le Aquile Molfetta degli ex Giuseppe Barbolla e Domenico Binetti: “È un derby - ammette Mongelli - e come tale è difficile da prevedere: è una partita che sfugge ad ogni pronostico al cospetto di una squadra ostica, difficile da affrontare soprattutto in casa e che arriva con l’entusiasmo di aver vinto contro il Barletta C5, club di serie A2. Giovinazzo C5? La nostra risposta migliore dopo l’eliminazione dalla Coppa della Divisione - conclude Mongelli - è il campo, ed è quello che dobbiamo far parlare, e mettere in pratica ciò che il mister Marcelo Magalhaes ci ha insegnato sinora. Il derby non si gioca, si vince”.


Nicola Miccione
Ufficio Stampa G.S. Giovinazzo Calcio a 5





Pubblicità