skin adv

#SerieBFutsal: rimonta Juvenia, Monastir secondo. Mestre e Cosenza verso l'A2

 23/02/2020 Letto 351 volte

Categoria:    Serie B
Autore:    Divisione Calcio a 5
Società:    VARIE





La diciassettesima giornata di Serie B avvicina Mestre e Cosenza al salto di categoria e infiamma il duello al vertice del girone G, stante lo stop del Capurso a Montesilvano.

GIRONE A Il turno di riposo della Domus Bresso favorisce l'allungo del Cagliari, corsaro a Lecco e momentaneamente a +5 sulla rivale più prossima. Il Real Cornaredo dimentica la debacle di Asti con il poker al Bergamo e consolida il podio, Carmagnola fermato da un Rhibo Fossano in grado di allontanare le posizioni calde al pari dell'Athletic, vincente in Sardegna contro l'Ossi. Rinviata Videoton Crema-Orange Futsal per l'emergenza sanitaria che sta interessando la zona della sede di gara.

GIRONE B La marcia del Bubi Merano riprende in casa del Futsal Atesina: i giallorossi tengono a distanza Atletico Nervesa e Pordenone, ok di misura nelle trasferte con Palmanova e Canottieri Belluno. Il fattore campo salta completamente: Sedico e Udine City superano gli ostacoli Cornedo e Olympia Rovereto, confermando le rispettive posizioni playoff, chiude il quadro il blitz dell'Arzignano Team al PalaPrata.

GIRONE C Campello Motors CdM sempre più vicino all'obiettivo Serie A2: i lagunari regolano 4-1 l'Eta Beta e lasciano invariato il +11 rispetto alla piazza d'onore, sulla quale resiste una coppia. Il Miti Vicinalis, infatti, infligge il secondo stop di fila al Corinaldo, ora a -3 dagli avversari di giornata e da quello Sporting Altamarca che batte il Cesena. Nel treno di big cade anche il Faventia, piegato dalla Pro Patria San Felice, in coda tre punti pesantissimi per Bagnolo e Cavezzo contro Aposa e Sant'Agata.

GIRONE D Il derby con la Lastrigiana permette al Prato di restare davanti a tutti: non cambia il +2 sulla Vis Gubbio, il cui riscatto si materializza per mezzo del 4-3 al CUS Ancona nel clou tra l'ormai ex duo di seconde. Rallenta la marcia di Sangiovannese e Futsal Askl verso la post season: il Cagli impone il segno X ai toscani, marchigiani sconfitti dalla Mattagnanese. L'Atlante Grosseto cede alla Poggibonsese, adesso col fiato sul collo dei biancorossi, primo acuto in campionato per un CTS Grafica che stoppa il Grottaccia e riduce il distacco dal penultimo posto, alimentando la possibilità di disputare il playout.

GIRONE E Lo scettro rimane nelle mani dello Sporting Juvenia: la squadra di Bagalà rimonta il Carbognano al PalaGems e risponde al Monastir, che si prende il ruolo di inseguitrice diretta dei capitolini - con una gara in meno - superando la Fortitudo Pomezia. Lo spettacolare Social Match del PalaCarucci premia il Velletri: i castellani passano 10-9 a Terracina e compiono un passo deciso verso i playoff al pari della United Aprilia, ok col San Paolo Cagliari. Sorride pure l'History Roma 3Z: il tris alla Forte Colleferro archivia il periodo difficile dei gialloblù.

GIRONE F Il Bernalda ritrova la confidenza con i tre punti a Grassano: il largo successo ai danni del Real Team contiene i propositi di assalto al vertice del Taranto, che fa bottino pieno nella sfida con il Sipremix Limatola, terza forza della graduatoria. Il Futsal Parete, dopo il pari con la capolista, sfrutta lo stop dell'Orsa Viggiano a Salerno e sale sul treno playoff in virtù del 3-1 allo Junior Domitia, bene anche un San Gerardo Potenza in doppia cifra contro i Leoni Acerra.

GIRONE G Si riducono a due le lunghezze di vantaggio del Capurso sul Giovinazzo a sette giorni dallo scontro diretto: la striscia vincente dei pugliesi si ferma al PalaRoma per mano del Real Dem, i ragazzi di Magalhaes, invece, non sbagliano con la Chaminade e pregustano la chance del sorpasso, avendo una gara in meno rispetto al team del duo Recchia-Squillace. Le Aquile Molfetta piegano il Canosa e tornano a +3 sullo Sporting Venafro, ai box per il turno di riposo, l'Olympique Ostuni sbanca L'Aquila e distanzia la Diaz Bisceglie, protagonista di un 2-2 in casa del Torremaggiore.

GIRONE H Città di Cosenza ormai a un passo dalla festa promozione: la capolista calabrese coglie con la Siac Messina il quattordicesimo successo del suo inarrestabile percorso. Il Bovalino lascia aperti i ragionamenti aritmetici sul primato con l'8-2 all'Akragas e rimane davanti al Gear Sport, che cala il pokerissimo sul campo dell'Agriplus Mascalucia. Il blitz del PalaMilan riaccende la caccia ai playoff della Polisportiva Futura, a -1 dal quinto posto della Pro Nissa, il puzzle si completa con il settebello dell'Arcobaleno Ispica al Mascalucia.




COPIA SNIPPET DI CODICE

Pubblicità