skin adv

La Pisana, Zangari chiede di più: "Non abbiamo ancora raggiunto il nostro massimo potenziale"

 23/02/2024 Letto 332 volte

Categoria:    Giovanili
Autore:    Redazione
Società:    LA PISANA





Dopo il pareggio beffa arrivato nei secondi finali sul campo del Club Sport Roma, in questo weekend La Pisana, come da calendario, osserverà il turno di riposo. A sei partite dal termine della regular season, l’Under 21 di Valerio Corsaletti è ancora imbattuta e guida saldamente il proprio girone con un vantaggio di undici punti sulla prima inseguitrice Ulivi Village.

LA SITUAZIONE - Fabrizio Zangari analizza il momento in casa biancorossa partendo dal pareggio di domenica scorsa nel quale anche lui è entrato nel tabellino dei marcatori: “Nel complesso abbiamo giocato una buona gara, siamo stati in vantaggio due volte, ma non siamo riusciti a chiudere la partita. Ci è mancata un po’ di freddezza davanti al portiere e siamo stati forse poco lucidi nel finale, quando loro sono usciti con il portiere di movimento e noi ci siamo fatti sorprendere a 30 secondi dal termine. Se non chiudi le partite, può succedere, ma sono sicuro che ci servirà da lezione per il futuro”. Il primato in classifica non è comunque in discussione: “È vero, siamo davanti a tutti, siamo stati bravi fin qui, ma, secondo me, non abbiamo ancora raggiunto il nostro massimo potenziale - sottolinea Zangari -. A volte abbiamo dei blackout e facciamo tornare in partita i nostri avversari, e una squadra che punta a vincere non può permettersi cali di concentrazione, quindi dovremo lavorare per eliminare tutti i difetti. La nostra forza è la compattezza del gruppo: siamo tanti e il mister riesce sempre a tenere alto il livello in campo, forse è anche per questo che riusciamo a ottenere le vittorie nel secondo tempo e nel finale”.

L’AMBIENTE - Per il classe 2002, già protagonista lo scorso anno della vittoria del titolo regionale, questa è la seconda stagione con la maglia de La Pisana: “Devo dire che mi trovo molto bene, remiamo tutti nella stessa direzione e c’è coesione tra società, allenatore e tutti i compagni. Si è creato il giusto ambiente per lavorare e fare bene: dobbiamo continuare così se vogliamo toglierci qualche bella soddisfazione”, conclude Zangari.


Paolo Trotta 



COPIA SNIPPET DI CODICE











-->