skin adv

Juventus, con Alessio Musti nasce il progetto futsal

 18/09/2020 Letto 1450 volte

Categoria:    Vari
Autore:    Redazione
Società:    VARIE





I bianconeri entreranno ufficialmente a far parte del mondo del calcio a 5 con la nascita di un nuovo progetto che coinvolgerà in particolare le giovanili. A gestire questa avventura sarà l’ex CT della nazionale di futsal Alessio Musti, reduce da un’esperienza non proprio soddisfacente, avendo mancato la qualificazione ai Mondiali. L’obiettivo della società bianconera è quella di fornire ai propri ragazzi di competenze tipiche del calcio a 5, ma trasferibili nel calcio a 11, un po’ come ha insegnato Guardiola con il Barcellona e il Manchester City.

Mancavano questi colori al calcio a 5 

La Juventus di calcio a 11 è la squadra più vincente d’Italia, la sua storia e il suo prestigio sono conosciuti in tutto il mondo e dopo aver vinto nove scudetti consecutivi con tre allenatori differenti, anche le quote nella nuova stagione Serie A 2020/2021 la suggeriscono come la principale favorita per la vittoria finale. Chissà quanti appassionati di calcio a 5 e a 11 avranno pensato all’esistenza di una squadra professionistica di futsal con i colori bianconeri, invece la Juventus si lancia in questo mondo soltanto quest’anno e con un progetto che coinvolgerà giovani leve. Saranno infatti gli under 7 e gli under 14 i protagonisti di questo disegno per costruire quello che lo stesso Alessio Musti, responsabile del progetto, definisce come un ponte fra il calcio a 11 e il calcio a 5. Non c’è in effetti alcuna squadra di Torino nella massima serie del campionato di futsal, dopo lo scioglimento dell’Unione Sportiva Torino Calcio a 5, fra l’altro la prima società non laziale a essersi fregiata del titolo di campione d’Italia nella stagione ‘98-’99. 


Sviluppo delle capacità tecniche: l’obiettivo bianconero 

Il gioco del calcio a 5 è sinonimo di grande tecnica, controllo impeccabile del pallone e movimento senza palla, verrebbe quasi da dire che si tratta di un mix fra basket e calcio a 11, viste considerate le ridotte dimensioni del campo e la dinamicità del gioco. In effetti rispetto, al calcio a 11, nel futsal la tecnica è un fattore fondamentale, cosa che spesso nel campo più grande può essere sopperita con altre caratteristiche quali corsa, intelligenza tattica e spirito di sacrificio. L’obiettivo della Juventus con il suo progetto futsal è proprio quello di fornire ai propri ragazzi un percorso di crescita completo e variegato, con l’applicazione di allenamenti e tecniche tipici del futsal. Se si pensa al Barcellona che ha vinto tutto e al Manchester City di Guardiola il discorso si fa ancor più interessante: il tecnico spagnolo riesce a far esprimere ai propri calciatori un gioco molto simile al calcio a 5 e utilizza molte pratiche e metodologie usate nel futsal in allenamento. L’esperienza e la competenza di Alessio Musti, scelto come coordinatore, faranno da traino a questo progetto che ora interessa soltanto il settore giovanile, ma molto presto potrebbe prendere la strada del professionismo. 

L’ingresso della Juventus nel mondo del calcio a 5 potrebbe fare da apertura ad altre società di calcio a 11 che potrebbero pensare di investire nel futsal, così come è accaduto per il calcio femminile.





Pubblicità