skin adv

Ripartenza C1, le perplessità del Movimento Futsal Pro: "Poca chiarezza e tutela"

 10/03/2021 Letto 787 volte

Categoria:    Serie C1
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    VARIE





Il presente comunicato ha L intento di chiarire il susseguirsi di eventi avvenuti negli ultimi giorni  e che hanno riguardato in primis tutte le società iscritte al campionato di C1 ma per conoscenza e informazione tutte le società iscritte ai campionati organizzati dal CR LAZIO!

Nella giornata di sabato ci è stata inviata dal CR lazio una lettera di adesione alla ripartenza dei campionati, con la specifica che la risposta doveva essere mandata entro le 48 ore successive .


Nell email non c'era specificato niente sui costi sui protocolli e sulle modalità della ripartenza ma esclusivamente dovevamo barrare la nostra adesione .

A quel punto abbiamo cercato di ottenere risposte dal delegato del calcio a 5 in merito alle consequenze delle nostre scelte.

Il delegato ha mostrato grande disponibilità e si è messo a disposizione per incontrare alcune squadre di C1 che volevano chiarimenti sulle modalità della ripartenza e che cosa andavano incontro quelli che avrebbero scelto di non ripartire .

Le poche certezze che sono uscite dall incontro sono
1) per mantenere il titolo e’ obbligatorio pagare la quota d iscrizione per intero. Quindi se una squadra decide di non aderire alla ripartenza della propria società nel campionato di C1 e comunque OBBLIGATO a versare i contributi per il mantenimento della categoria.
2 ) chi deciderà di ripartire avrà uno sconto sull iscrizione
3 ) ci sarà un intervento economico del comitato per agevolare le società che dovranno sostenere spese per tamponi e trasferte.
4. il termine delle 48 è perentorio perché il CR LAZIO deve comunicare la formula è il format alla FIGC .

Al termine dell incontro abbiamo più volte espresso il nostro disappunto per le modalità e i tempi di queste comunicazioni e sopratutto il modo di richiesta di partecipazione alla categoria dove ogni singola squadra di C1, deve pagare l'iscrizione per intero per partecipare al campionato, pagare lo stesso anche se decide di non partecipare al campionato per mantenere la categoria, dove per colpa della pandemia e no della società stessa non si è potuto disputare il campionato in maniera regolare dall' inizio, ma ritrovarsi a marzo con pochissime certezze per il come ripartire ma senza nessun modo di rifiutare visto l'OBBLIGO e non la preferenza si o no sulla ripartenza del campionato.


Capiamo che il comitato regionale Lazio è servo di logiche che non competono alla loro sfera , capiamo la difficoltà che anche loro stanno avendo da questa situazione di incertezza legata sia al covid che alle recenti elezioni federali ,ma chi difende i nostri principi? Chi ci tutela da questi soprusi?

NOI VI ABBIAMO SEMPRE CAPITO E SEMPRE SOSTENUTO, (prova di questo sono state le ultime elezioni del presidente Zarelli con ampia partecipazione e appoggio da parte delle squadre del calcio a 5),
Ma in questi frangenti avremmo sperato in un trattamento diverso, avremmo sperato che qualcuno di Voi si battesse per difendere anche gli interessi delle nostre società .

Non vogliamo passare per quelli che bloccano la ripartenza della nostra disciplina .
Non vogliamo essere quelli che privano i loro tesserati di un ritorno alla normalità... ma Vi chiediamo ,per l'ennesima volta, di essere trattati come PARTE INTEGRANTE del comitato e non come un misero numero o conto corrente.

Perché Noi saremmo anche un numero, ma dentro quel numero, ci sono famiglie che lavorano, ragazzi che si divertono ,anziani che trovano nella società sportiva un motivo di speranza e di vita .

In queste poche ore il COMITATO FUTSAL PRO ha deciso di comportarsi  come fa ogni famiglia , come un vero gruppo di amici .
Ogni società in piena democrazia ha avuto le sue ragioni per aderire o no alla ripartenza ma questo non intacca il rispetto che ogni membro ha dell altro .
Una decisione così difficile non può essere univoca perché ogni realtà vive momenti diversi con problematiche diverse ma egualmente importanti .
Con queste tempistiche e modalità si è provato a spaccare la nostra unione ma noi ne usciremo più saldi e più uniti di prima .

Il nostro Movimento è nato per creare un progetto e il percorso e’ lungo e ricco  di difficoltà ma siamo convinti che Uniti riusciremo nell intento di migliorare il futsal regionale .
La nostra battaglia per il Futsal è appena cominciata

TO BE CONTINUED




COPIA SNIPPET DI CODICE

Pubblicità