skin adv

Italpol, scossa Del Ferraro: “Ciampino ultima spiaggia, non possiamo sbagliare”

 19/03/2021 Letto 154 volte

Categoria:    Serie A2
Autore:    Alessandro Pau
Società:    ITALPOL





L’Italpol si appresta a sfidare il Ciampino Anni Nuovi nella ventesima giornata di Serie A2. Per i biancoblù è ormai molto difficile conquistare un posto nei playoff, ma l’aritmetica dà ancora speranze a Del Ferraro e compagni: una vittoria al PalaTarquini potrebbe riaprire ogni discorso.

SFIDA - Reduce dallo stop interno con la capolista Olimpus, l’Italpol va al PalaTarquini di Ciampino per sfidare la seconda forza del Girone B: “Il Ciampino è meritatamente secondo - ammette Manuel Del Ferraro -. È una squadra ben allenata, ben strutturata, con giocatori di livello. Basta vedere che hanno tre giocatori nei primi sei posti della classifica marcatori, tutti con almeno 17 reti. È senza dubbio una squadra di livello - prosegue -, e questo lo dimostra anche il fatto che hanno già il pass per i playoff. Non dico che per loro sarà una partita facile, ma senza dubbio giocheranno con spensieratezza e tranquillità, senza paura di sbagliare”.

I ragazzi di mister Reali, alla caccia di punti per blindare la seconda piazza della graduatoria, dovranno però fare i conti con un Italpol ferito: “Per noi è l’ultima spiaggia - annuncia Del Ferraro -. Per raggiungere l’obiettivo dei playoff dobbiamo fare 12 punti in quattro gare, ma anche sperare che le altre perdano punti per strada. Non dipende solo da noi. Andiamo a Ciampino per vincere la prima di queste ultime quattro sfide”.

SGUARDO INDIETRO - PalaTarquini ultima spiaggia, come affermato da Del Ferraro, ma un’eventuale sconfitta non potrebbe essere considerata come la causa del mancato accesso ai playoff: “Siamo ben consapevoli che perdendo saremmo fuori da ogni discorso - continua -, e per questo c’è molta tensione, ma sappiamo anche che i playoff non li perderemmo domani, bensì li avremmo persi nelle partite precedenti. Purtroppo, siamo stati massacrati da questa situazione: abbiamo avuti diversi positivi, non ci siamo allenati per lunghi periodi, abbiamo recuperato tante partite in poco tempo in situazioni di emergenza estrema. Sulla carta - conclude -, siamo una squadra da playoff, ma se non l’abbiamo dimostrato dobbiamo prenderci le nostre responsabilità”.


Alessandro Pau

 




COPIA SNIPPET DI CODICE

Pubblicità