skin adv

Buon compleanno cittì: la Max Italia compie un anno. Tutti i numeri di Bellarte

 15/09/2021 Letto 356 volte

Categoria:    Nazionale
Autore:    Redazione
Società:    ITALIA





E’ passato un anno da quel 15 settembre, quando la FIGC ufficializzava una notizia nell’aria da un bel po’: Max Bellarte successore di Alessio Musti sulla panchina dell’Italfutsal. Un anno trascorso a portare nuovi talenti e inaugurare un nuovo corso: 11 partite, 10 vittorie e una sola sconfitta, in Belgio, peraltro ininfluente ai fini della qualificazione ad Euro 2022. Un anno diverso dagli altri, con un rinnovo già in tasca, tante positive indicazioni e l’ultimo trionfo alla Futsal Week, con tutte vittorie e altrettanti clean sheet.

I NUMERI DI MAX dicono che l’Italfutsal problemi di gol non ne ha, ne fa quattro a partita. Diciotto le reti al passivo, con addirittura 4 clean sheet: quello all’esordio a Podgorica del 28 gennaio 2021 in occasione del tris al Montenegro, gli ultimi tre consecutivi, alla Futsal Week, con Isole Salomone, Finlandia e Arabia Saudita. Max usa Japa Vieira come grimaldello per aprire le difese avversarie, con sette gol la stella del Came Dosson è il top scorer del nuovo corso Azzurro, seguito a ruota da De Matos con 6 e Musumeci con 5. Il 6-0 all'Arabia Saudita la vittoria più larga, i tre successi contro la "maledetta" Finlandia (sportivamente parlando) quelli più pesanti.

LA MAX ITALIA è aperta a tutti, ma si intravedono i fedelissimi del commissario tecnico Azzurro: Murilo il più utilizzato, (10 volte, 8 da titolare nello starting five), insieme a Matteo Esposito, anche lui in doppia cifra, Merlim convocato nove volte quante De Matos, a quota otto un gruppetto composto da Molitierno, Dudu, Gui e Di Eugenio. Curiosità: la Nazionale di Bellarte ha preso finora solo 4 ammonizioni e due espulsioni (Murilo e Fantecele) in 11 gare.

VENTISETTE AZZURRI in lista nelle 11 partite disputate, la Max Italia è piena zeppa di volti nuovi, divisi fra graditi ritorno (Nicolodi, Pietrangelo, Fantecele e Tonidandel) e debuttanti assoluti, addirittura 12: Motta e Dudu, Arillo e Achilli, Esposito, Gui, Di Eugenio, De Matos, Podda, Caponigro, Stringari e Gargantini. Forse questi i numeri più interessanti, il segno tangibile del nuovo corso: buon compleanno Bellarte, a forti tinte azzurre. Il colore sopra ogni cosa.

Redazione C5Live





Pubblicità