skin adv

Crisi Giovinazzo. "Troppe cose non vanno per il verso giusto. Ripartiamo dall'abc"

 20/11/2023 Letto 145 volte

Categoria:    Serie A2
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    GIOVINAZZO





Terza sconfitta consecutiva, quarta stagionale, per il Defender Giovinazzo C5 che si fa dominare, al PalaPansini, dall’Itria, vittoriosa 1-4 al termine di una partita dominata sin dall’inizio. Quattro i gol subiti dagli uomini del patron Carlucci (ben quindici nelle ultime tre gare, la terza peggior difesa del girone B di serie A2 Elite) che non riescono a riscattare il ko di Regalbuto, rendendosi raramente pericolosi in avanti. Partita, l’ottava d’andata, senza storia e biancoverdi - a secco di punti da ormai diciotto giorni - mai in gara, scivolati ora al settimo posto, a pari punti con la Roma C5, l’ultima gioia prima di un novembre nerissimo. E mister Bernardo, in sala stampa, recita il mea culpa: «Ci sono tanti aspetti che non sono andati per il verso giusto. È difficile commentare», taglia corto.

LA PARTITA - Bernardo, privo del solo Piscitelli, schiera La Notte, Menini, Fermino, Silon Junior e Ferreira Praciano, mentre Convertini risponde con Micoli, Bruno, Recasens, Punzi e Ricci. Il primo pericolo, sull'asse Bruno-Punzi (para La Notte) fa immediatamente capire l'indirizzo di gara, dettato principalmente dagli ospiti. Che passano già al 5’: Bruno che serve a centro area Rosato che stoppa di petto e scaraventa in rete il pallone del vantaggio, 0-1. Il dominio, in avvio, è certificato dal palo colpito da Rosato e dai tentativi di Punzi e Ricci (il primo parato da La Notte, il secondo sul fondo) che anticipano, al 10’, il raddoppio di Recasens che sfrutta una ribattuta di La Notte su Punzi per lo 0-2 dell'Itria. I padroni di casa si trascinano faticosamente - ci prova il solo Menini, in diagonale, fermato da Micoli - e al 14’ subiscono anche la terza rete, complice una disattenzione difensiva, che spiana la strada a Punzi: 0-3 e squadre negli spogliatoi. Al rientro Fermino, su assist di Menini, calcia a lato, poi è Palumbo a chiamare Micoli alla deviazione in corner. La reazione dei giovinazzesi è tutta qui, mentre l’Itria, cinica come pochi, va ancora a segno al 7’ con Punzi, servito sulla riga bianca da Lacatena, e aumenta il conto delle reti: 0-4. Non può esserci partita, soprattutto quando Montelli non aggancia sotto porta l’invito di Mentasti. I biancoverdi inseriscono il power play (Palumbo), ma oltre il gol di Menini, al 12’, Micoli non viene quasi mai chiamato in causa. Al 40’ finisce 1-4.

BERNARDO - L’Itria è sembrata una macchina perfetta, il Defender Giovinazzo un ingranaggio in cui i pezzi che funzionano sono pochi. «Ci sono tanti aspetti che non sono andati per il vesto giusto - ha detto a fine gara Bernardo -. È difficile commentare: penso che questa sia stata una sconfitta più pesante di quella di Regalbuto perché è mancata l’aggressività, i contrasti nel gioco, per lunghi tratti abbiamo fatto male e in difesa siamo stati molto lenti e deboli sulle seconde palle. L’Itria ha meritato la vittoria e noi dobbiamo fare un grosso mea culpa per questa sconfitta. Adesso dobbiamo ripartire dalle basi e mettere tutti quanti in riga. Dobbiamo ripartire dall’abc, per poi migliorare pian piano».

A.S.D. G.S. Defender Giovinazzo C5 – A.S.D. Itria 1-4
A.S.D. G.S. Defender Giovinazzo Calcio a 5: La Notte, Mentasti, Binetti, Menini, Fermino, Silon Junior, Marolla, Dibenedetto, Montelli, Palumbo, Ferreira Praciano, Di Capua. Allenatore: Bernardo. A.S.D. Itria: Micoli, Punzi, Lisi, Bruno, Pereira, Ricci, Boladeras Recasens, Rosato, Prats, Lacatena, Laddomada, Felice. Allenatore: Convertini.
Arbitri: Vallecaro (Salerno) e Roscini (Foligno).
Reti: 5’ pt Rosato, 10’ pt Recansens, 14’ pt Ricci, 7’ st Punzi, 12’ st Menini.
Ammonizioni: Montelli, Silon Junior, Lacatena e Ricci per gioco non regolamentare.
Espulsioni: Nessuno.
Note: Spettatori 600 circa.

Nicola Miccione
Ufficio Stampa G.S. Defender Giovinazzo Calcio a 5

 



COPIA SNIPPET DI CODICE











-->