skin adv

Forlì, Casadei si gode i progressi della sua U21: "Il lavoro paga"

 08/12/2023 Letto 197 volte

Categoria:    Giovanili
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    FORLI





Domenica scorsa sul campo dello Young Santarcangelo è finalmente arrivata la prima vittoria del giovanissimo gruppo di ragazzi dell’Under 21 del Forlì di mister Casadei: “In questi mesi ho sempre ripetuto ai miei ragazzi che il lavoro paga e finalmente domenica è arrivata la prima vittoria - commenta il tecnico - è stata un partita giocata su buoni livelli con alta intensità dove posso dire che finalmente siamo riusciti ad applicare con continuità sul campo i principi su cui lavoriamo con costanza durante la settimana. Vedere ripagati i nostri sforzi è motivo di soddisfazione e di orgoglio e deve servire a spronarci per continuare a migliorare”.
 
Alessandro Casadei, forlivese classe 1977, per tutti “Panino”, bandiera del Forlì del primo decennio di questo millennio, è subentrato sulla panchina forlivese a mister Visani a campionato già iniziato: “Voglio ringraziare la società per questa opportunità che mi ha dato assegnandomi questo incarico – continua il mister – mi è stato affidato un gruppo molto giovane con ragazzi dai 15 ai 18 anni che non hanno ancora acquisito a pieno la sicurezza e la consapevolezza delle loro capacità tecniche e tattiche e sono chiamati a confrontarsi nel campionato Under 21 con avversari dalla preparazione atletica e prestanza fisica decisamente più matura. Proprio sul cercare di limare questo gap si è basato principalmente il mio lavoro, lavorando sia sulla tecnica di base che sul potenziamento della resistenza fisica. Non posso che essere contento del gruppo composto da ragazzi seri, che si allenano con una presenza costante e il loro impegno ha fatto sì che anche i risultati sportivi stiano migliorando”.
 
Progressi che non sono passati inosservati nemmeno a livello regionale con due ragazzi convocati nel primo raduno della rappresentativa regionale: “Per noi è sicuramente un motivo di orgoglio e spero che sia Valdifiori che Greppi traggano beneficio da questa esperienza e siano d’esempio e di stimolo per i loro compagni in quanto a mio avviso ci sono altri elementi che hanno le qualità per ambire in un futuro prossimo a questa opportunità”. Ma la stagione non è ancora giunta al giro di boa e il lavoro da fare è ancora tanto: “Dobbiamo continuare su questa strada lavorando contemporaneamente sull’aspetto tecnico, tattico e fisico cercando di creare una base di gioco fluida e funzionale - conclude il tecnico -, ma la cosa che mi preme di più è quella di coinvolgere tutti i ragazzi e magari, perché no, vincere qualche altra partita”.


Ufficio Stampa Forlì



COPIA SNIPPET DI CODICE











-->