skin adv

Una L84 da riaggiustare. "Troppe cose non sono andate ad Avellino"

 16/05/2024 Letto 183 volte

Categoria:    Serie A
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    L84





La L84 è inciampata contro la Sandro Abate Avellino in Gara Due dei quarti di finale. Gli irpini hanno avuto la meglio dei verdeneri per 4-2, galvanizzati dal palazzetto di casa. Nonostante le tante occasioni nel finale, la L84 non è riuscita a riprendere la sfida: tutto si deciderà in Gara Tre al Pala Maggiore di Leinì. La partita viaggia su una dimensione completamente diversa rispetto a quella dell’andata. Infatti la Sandro Abate parte fortissimo, con Gui e Wilde ispirati. Tuttavia Tondi risponde sempre presente alle conclusioni degli irpini, finché Etzi mette avanti i padroni di casa al 7′. La L84 reagisce subito, ma Rescia è sfortunato a centrare il palo. Poi ci provano anche Vidal e Josiko, ma Vitiello c’è così come Tondi su Etzi. Però la L84 c’è, tanto da trovare il gol del pareggio al 14′ del primo tempo con la deviazione di Fortini: 1-1. La Sandro Abate non ci sta ed attacca a testa bassa, trovando sempre un prontissimo Tondi. Così il primo tempo sembra indirizzato a terminare in parità, ma il futsal è lo sport del Diavolo. Infatti i padroni di casa mettono dentro il 2-1 a 10″ dalla sirena con Ugherani. Il copione della partita non cambia nella ripresa. Infatti la Sandro Abate spinge forte sul gas, con Tondi costretto ad un’altra parata super. Tuttavia Gui trova il gol del 3-1 al 4′ della ripresa: palla sopra e destro perfetto del Toro. Nonostante la botta psicologica, la L84 reagisce ed accorcia le distanze dopo nemmeno un minuto. Infatti, dopo la respinta di Vitiello, Mateus si trova il pallone lì e deve solo depositarlo in porta al 5′. Ora la partita cambia per davvero: la L84 è elettrica. Infatti le conclusioni iniziano ad essere tante, ma Vitiello ha tirato giù la saracinesca. Eppure una palla in verticale punisce i verdeneri: Arillo la mette all’incrocio e firma il 4-2 a 5′ dalla fine. Chiaramente Paniccia si gioca il portiere di movimento, che propizia il tiro libero ed il secondo giallo a Gui. Va Cuzzolino, ma Vitiello si supera. Di conseguenza Tondi rientra tra i pali e la L84 gioca comunque in superiorità.  La L84 ha una mera di occasioni nel finale per regalarsi una speranza, ma la Sandro Abate tiene fino alla sirena.

PANICCIA - Tutto verrà deciso da Gara Tre al Pala Maggiore. Dopo la sfida mister Paniccia ha detto la sua sulla gara: “Purtroppo martedì non ci sono riuscite tante cose. Sapevamo che era difficile chiudere la serie in un campo complicato come Avellino, ma per andare in semifinale dobbiamo correggere alcuni dettagli che ci sono stati fatali. Sabato servirà la migliore L84 della stagione per passare il turno”. Così tutto è appeso ad un filo, un filo che passa dal Pala Maggiore di Leini. Il fischio d’inizio di Gara 3 è fissato alle 18:00 di sabato 18 maggio: ci aspetta una sfida al cardiopalma.

Ufficio stampa



COPIA SNIPPET DI CODICE











-->