skin adv

La Mirafin s'interroga. Salustri: "Colpa degli arbitri. Ma noi presuntuosi"

 03/12/2019 Letto 193 volte

Categoria:    Serie A2
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    MIRAFIN





Per la Mirafin una sconfitta inaspettata, doveva essere la giornata del riavvicinamento alle zone nobili invece si è tramutata in una debacle che ha aperto molti interrogativi. Sprecona di tante occasioni avute e non concretizzate, ma anche di errori imperdonabili che una squadra di esperienza non può permettersi. Senz’altro nel momento clou del match l’invenzione dei direttori di gara di assegnare un tiro libero inesistente agli ospiti non ha aiutato, un evento che si è rilevato determinante ma che non può giustificare una prestazione a dir poco insufficiente. 
 
L'APPROCCIO alla gara non è dei migliori, Emer si fa notare in zona offensiva ma manda a lato il tiro. La Cioli gioca a viso aperto e colleziona due grandi occasioni, al 2' Lopez salva sulla linea un pericoloso tiro, mentre poco dopo è il palo a salvare la Mirafin quando Raubo improvvisamente calcia dalla metà campo sorprendendo tutti.  I rossoblu ci provano in serie ma Piatti si erge a protagonista ed inizia il suo show personale neutralizzando tutti i pericoli. All'8' gli amaranto passano con Cioli che appostato sul secondo palo finalizza una grande azione di Bertolini. Per arrivare al pareggio bisogna attendere il 13' quando su corta respinta di Piatti, Fabinho si avventa sul pallone ed insacca. La Mirafin prende coraggio, si riversa in avanti ma è anche sfortunata, Fratini si rende protagonista di due grandi azioni che avrebbero meritato maggior fortuna. Prima va via sulla corsia di sinistra, scavetto sul portiere in uscita ma è il legno a dire di no, un minuto più tardi è l’incrocio dei pali a fermare un gran tiro del laterale della Mirafin. Si capisce che oggi non è giornata, ma Fabinho su angolo di Gioia impatta il pallone al volo siglando il 2-1. Nella ripresa il tema tattico della gara non cambia, la Mirafin prova ad allungare ma spreca molto, e quando non si riesce a concretizzare si finisce per subire. Prima è bravo Mazzuca che neutralizza il tiro libero calciato da Chilelli ma, poco dopo, su un errore difensivo è Kola a servire a Chilelli la palla del pareggio. La Mirafin inserisce il portiere di movimento per cercare di portare a casa i tre punti ma al 19' c’è l’episodio che decide la partita: Carlinhos anticipa nettamente il diretto avversario e manda a lato. Per i direttori di gara è fallo e tiro libero, Raubo questa volta non fallisce chiudendo di fatto la gara sul 2-3 per la Cioli.
 
SALUSTRI "Gli arbitri hanno determinato il risultato, noi potevamo andare in vantaggio in tantissime occasioni ma non siamo stati precisi nelle conclusoni, da parte nostra c'e' stata un pò di presunzione, dobbiamo rimboccarci le maniche e lavorare a testa bassa".
 
Ufficio stampa Mirafin



COPIA SNIPPET DI CODICE

Pubblicità