skin adv

Cataforio, analisi di una sconfitta: "E' mancato qualcosa in attacco"

 21/10/2020 Letto 118 volte

Categoria:    Serie A2
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    CATAFORIO





CATAFORIO-BERNALDA 1-2 (1-1 p.t.)
CATAFORIO: Mancuso, Scopelliti, Cilione, Al. Labate, Durante, Giriolo, Laganà, Torino, Adornato, Casile, Sarica, Calabrese. All. Praticò
BERNALDA: D'Amelio, Lemos, Piovesan, Gallitelli, Bocca, Calderolli, Zancanaro, Borges, Murò, Quinto, Saponara, De Pizzo. All. Lamers
MARCATORI: 13'48'' p.t. aut. Gallitelli (C), 18'16'' Lemos (B), 0'48'' s.t. Lemos (B)
AMMONITI: Bocca (B), Al. Labate (C), Cilione (C)
ARBITRI: Rocco Morabito (Vercelli), Vincenzo Brischetto (Acireale) CRONO: Domenico Saccà (Reggio Calabria)
 
 
LA CRONACA Prima giornata dal sapore agrodolce per il Cataforio che cede di misura contro il più quotato Bernalda. Al Polivalente di Lazzaro la sfida si conclude sul 2-1 per gli ospiti, grazie alla doppietta di Tiago Lemos che ha risposto all’iniziale vantaggio locale, arrivato con l’autorete di Gallitelli sul tiro di Durante.  Il Cataforio si presenta a questa sfida orfano di tre pedine importanti, quali Andrea Labate, Martino e Modafferi, tutti squalificati. Rotazione ridotta, al contrario del roster di Lamers privo del portiere Boschiggia, anch’esso appiedato dal Giudice Sportivo. Primo gettone in A2 per Alessio Labate, Sarica, Cristopher Laganà ed Adornato. Dopo un’iniziale fase di studio e qualche conclusione fuori dallo specchio da ambo le parti, a 13’48’’, sulla rimessa di Scopelliti, il tiro di Durante trova la deviazione di Gallitelli che beffa il proprio portiere. È il vantaggio, sostanzialmente meritato, per i reggini che hanno avuto il merito di giocare una gara diligentissima in difesa. Alla prima disattenzione, però, la qualità del Bernalda non perdona: troppo spazio per Tiago che non si fa pregare e fulmina Mancuso, a poco meno di due minuti dall’intervallo. Si va al riposo sull’1-1. Il pari galvanizza gli ospiti che entrano con un altro piglio nella ripresa, al contrario dei reggini che perdono palla con Scopelliti sulla pressione di Borges, assist per l’accorrente Tiago che sigla la sua doppietta personale. Ora il Bernalda crea più occasioni, con Zancanaro, Borges, Bocca e Tiago. Mancuso salva la porta in un paio di frangenti, mentre inizia ad affiorare anche un po' di stanchezza nel resto del gruppo, senza dubbio normale dopo una gara così dispendiosa (più freschi gli ospiti grazie ai continui cambi effettuati da Lamers). Il Cataforio però riesce a trovare ancora energie per provarci: Scopelliti fa un gran numero, mette sul secondo palo per Cilione che da pochi passi trova il miracolo di D’Amelio sul tiro a botta sicura. È l’intervento che salva il risultato. 
 
L'ANALISI "Termina dunque con una sconfitta l’esordio stagionale per i reggini che hanno tenuto testa ad una squadra che, visto l’organico, potrebbe tranquillamente ambire ad un posto tra le prime quattro. E’ mancato qualcosa in attacco, questo è solare, ma il carattere del gruppo bianconero, ne siamo certi, sarà ancora una volta decisivo per raggiungere gli obiettivi prefissati". 
 
CATAFORIO-BERNALDA 1-2 (pt 0-1)
CATAFORIO: Mancuso, Scopelliti, Cilione, Al. Labate, Durante, Calabrese, Giriolo, C. Laganà, Torino, Adornato, Casile, Sarica. All. Praticò.
BERNALDA: D’Amelio, Tiago Lemos, Piovesan, Gallitelli, Bocca, De Pizzo, Calderolli, Zancanaro, Borges, Murò, Quinto, Saponara. All. Lamers.
MARCATORI: pt 13’48’’ aut. Gallitelli (C), 18’16’’ Tiago (B), st 0’48’’ Tiago (B).
ARBITRI: Morabito di Vercelli e Brischetto di Acireale. Crono: Saccà di Reggio Calabria.
NOTE: ammoniti Bocca (B), Al. Labate (C), Cilione (C).
 
Fabrizio Cantarella
Addetto Stampa Asd Cataforio




Pubblicità