skin adv

Grande Impero, Grassi: “Nessuna ossessione, ma giochiamo sempre per vincere”

 29/12/2020 Letto 477 volte

Categoria:    Serie C1
Autore:    Redazione
Società:    ATLETICO GRANDE IMPERO





Subito 3 vittorie nelle prime 3 gare di campionato in C1, un successo in coppa e 19 gol complessivi. Si riassume così l'avvio di stagione del Grande Impero che, nonostante lo stop, si gode il momento positivo in attesa della ripresa delle competizioni calcettistiche. L'allenatore Alessio Grassi è all'esordio sulla panchina di una prima squadra, ma a giudicare dai risultati sembra che sia già riuscito a trasmettere le sue idee ai giocatori.

PUNTANDO SEMPRE ALLA VITTORIA - “L'avvio positivo? Me lo aspettavo. La squadra era forte negli anni passati, i nuovi acquisti hanno contribuito ad alzare un livello già importante”, afferma Grassi, soddisfatto per le vittorie che sono arrivate, soprattutto per quella in casa del Poggio Fidoni. “Non ci siamo posti un obiettivo finale. Non siamo ossessionati dalla promozione e non ci accontentiamo della salvezza. Noi scendiamo in campo sempre per vincere, io ero così quando giocavo - prosegue il tecnico dell'Atletico -. Ringrazio i ragazzi che continuano ad allenarsi anche se non ci sono partite: sono tutti affamati di vittoria e vogliosi di giocare, ma io li conosco e sono consapevole che possono darmi ancora di più”.

VALORI AGGIUNTI - In estate il Grande Impero ha messo a segno due grandi colpi: Simone De Bella (dalla Lazio) e Andrea Rubei, leggenda del calcio a 5 italiano al rientro in campo dopo il ritiro. Due giocatori che ogni tecnico sarebbe felice di avere: “Per me è un orgoglio allenarli entrambi, non è da tutti. Fisicamente stanno benissimo e mentalmente sono più giovani dei ragazzi. Con la loro esperienza fanno crescere anche me, ma danno molto soprattutto alla squadra, composta da tanti '99 e '01”.

GEMELLI - L'allenatore non ha risparmiato complimenti anche per il fratello, che lo scorso anno, sulla panchina del Lido, ha esordito da allenatore nella massima serie: “Sono fiero di Maurizio per tutto ciò che ha fatto e per i traguardi raggiunti. Se penso alla Serie A? Come stile di vita vivo alla giornata, purtroppo da giocatore non ho fatto ciò che avrei potuto, ora voglio riprendermi tutto con gli interessi”, conclude Grassi. La strada è quella giusta.


Alessandro Amici




COPIA SNIPPET DI CODICE

Pubblicità