skin adv

Palmarola, Barbuto: "Noi non molliamo, qui un forte attaccamento alla maglia"

 15/01/2021 Letto 435 volte

Categoria:    Serie D
Autore:    Redazione
Società:    PALMAROLA CLUB





Andrea Barbuto, dirigente accompagnatore del Palmarola, analizza il delicato momento e fa il punto in casa Palmarola. “Non è facile e dobbiamo farci i complimenti a vicenda tra società e giocatori. Allenarsi singolarmente senza poter utilizzare lo spogliatoio è dura, ma noi non molliamo”.

ATTACCAMENTO – Come noto, per via della pandemia, la situazione è da mesi limitante per tutte le società dei campionati provinciali e regionali: ci si può allenare solamente in maniera individuale. “I ragazzi hanno ripreso a lavorare più intensamente da un paio di settimane - commenta Barbuto -. I risultati si vedranno sicuramente, l’amarezza più grande è non poter provare schemi in partita. Siamo stati bravissimi, tra società e giocatori, abbiamo dimostrato un fortissimo attaccamento ai colori del Palmarola”.

PASSATO – Andrea nasce come nuotatore, ma decide di provare il futsal all’età di 25 anni con un gruppo di amici tra cui Stefano, Fabio e Ivano Evangelista: “Da quel momento non ci siamo più lasciati. L’anno successivo ho appeso subito gli scarpini al chiodo, viste le scarse doti individuali, ma sono rimasto sempre con loro come dirigente accompagnatore”, spiega Barbuto, che poi continua. “Dopo la prima squadra del Casalotti, abbiamo cambiato diverse società, fin quando non è arrivata la chiamata di Certelli e Frigione, che ci hanno contattato per la nuova avventura targata Palmarola. Non potevamo rifiutare”. Sabato 16 sarà un giorno importante per il Palmarola, perché il capitano, Stefano Evangelista, compirà quaranta anni: “Un amico vero e un fratello a cui tutto il club fa tanti cari auguri. Buon compleanno, Stefano!”.


Edoardo Morandini 





Pubblicità