skin adv

San Giacomo, l'esordio in D è da favola: 4-3 esterno al Real Rocca di Papa

 22/10/2017 Letto 535 volte

Categoria:    Serie D
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    SAN GIACOMO





Un esordio in serie D sicuramente da ricordare per il San Giacomo che passa 4-3 sul campo di un avversario ostico come il Real Rocca di Papa.

PRIMO TEMPO - L'inizio per i nettunesi è lento, poco giro palla e la squadra troppo bassa in fase difensiva non permettono una manovra fluida con il portiere Ludovisi sugli scudi. Passano in vantaggio i padroni di casa in modo anomalo. D'Avino salta l'ultimo difensore ospite venendo fermato da un fallo non ravvisato dal direttore di gara, la palla arriva al portiere avversario che si fa tutto il campo battendo Ludovisi con un perfetto tiro da fuori. Preso lo schiaffo la squadra si sveglia giocando una seconda parte di tempo pressoché perfetta. Il primo gol è da manuale del calcio a 5 tutto a due tocchi in verticale con Iacolenna che serve D'Avino sul secondo palo per l'1-1. Un paio di minuti dopo una combinazione nello stretto Favella-Viburno porta quest'ultimo a segnare il gol del vantaggio da pochi metri. Terzo gol in chiusura di frazione ad opera di Tomei che è abile a stoppare la palla e freddare l'estremo difensore con un preciso tiro di punta.

SECONDO TEMPO - La ripresa vede la spinta del Rocca di Papa ma è un'altra grande azione corale avviata da Perin con un gran gioco di gambe nello stretto, palla per Valentino che con un assist millimetrico serve l'accorrente D'Avino sul secondo palo per il 4-1.
Il San Giacomo difende bene in maniera molto organizzata, ma subisce il 4-2 su un proprio contropiede non perfezionato trasformato dagli​ avversari in un perfetto 3 vs 2. La partita si scalda un po', Giallongo colpisce un palo e il Rocca di Papa pochi minuti dopo trova un gol da fuori sull'unico errore di comunicazione dei rossoneri e la partita vive 10 minuti di vero suspence. Un'espulsione per parte porta le due squadre a giocare 4 vs 4, si arriva al recupero e l'arbitro ad un giro di lancetta dalla fine decreta un rigore per un fallo in cui sarebbe servito il Var per stabilire se fosse fuori o dentro. Alla conclusione va il capitano di casa che spara alto. Dopo il rilancio di Ludovisi ed il fallo guadagnato da Giallongo non c'è più tempo, al triplice fischio finale scatta la gioia nettunese. Abbracci in campo su un campo sicuramente difficile da violare in un match vinto da veri uomini. Quando serviva è uscita fuori la grinta, la coesione ed il carattere di un grande gruppo. Prossimo appuntamento, il primo casalingo, venerdì alle ore 21 contro il Santa Palomba.


Ufficio Stampa San Giacomo




COPIA SNIPPET DI CODICE