skin adv

Bocao Meravigliao: il Meta esce fuori alla distanza ed esulta nello Sky Match

 25/09/2022 Letto 306 volte

Categoria:    Serie A
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    META





Ricominciare, cercando subito la strada giusta fatta di costanza, forza e ricerca del successo. L’esordio, dell’ennesimo campionato di Serie A, per la Meta Catania Bricocity è firmato Skymatch contro una L84 anch’essa smaniosa di riscatto dopo il flop della stagione scorsa.

PRIMO TEMPO - Rossazzurri da scoprire, da studiare, da testare e verificare dopo un ottimo pre campionato, ma con un finale di preparazione ricco di blocchi fisici per alcuni protagonisti. Tarantino rinunciava al nuovo pivot spagnolo Garcia, non ancora al meglio dopo un problema muscolare, e spazio al roster completo nonostante un Vaporaki tornato da poco dalla trasferta “albiceleste” e con Pulvirenti assente per squalifica. Partita intensa fin dai primi minuti: L84 partiva bene, mettendo pressione, ma Tornatore era presente. Due squadre appese inizialmente al tatticismo e legate dai dettami dei loro tecnici. Otto minuti dove succedeva poco nonostante Nelson Lutin prima e Vaporaki dopo, pescato da Silvestri, che non riuscivano a bucare il portiere della L84. Il francese rossazzurro Nelson Lutin era presente e irriverente in zona gol e proprio lui mandava davanti alla porta Bocao che non riusciva però a trovare la porta.  Al dodicesimo la gara si sblocca: illuminante l’assist del capitano Musumeci con Podda chirurgico, che tutto solo, batteva il portiere della L84 per lo 0-1. Dopo due minuti la reazione della L84 con l’azione personale di Josiko che sterzava sul destro e pescava il pareggio sul primo palo di Tornatore. Ruotava il roster Tarantino, ma trovava tanta imprecisione in impostazione da parte dei suoi, mentre gli uomini di Paniccia provavano a sfruttare gli errori degli etnei sfiorando il raddoppio.

SECONDO TEMPO - Nella ripresa primi sette minuti intensi con Tornatore protagonista con due super interventi, mentre la Meta Catania Bricocity reagiva con Musumeci prima e Nelson Lutin dopo che sfiorava il palo. A metà della ripresa il volo perfetto di Tornatore che “smanacciava” sopra la traversa la botta sicura di Siqueira. Poi toccava a Musumeci sfiorare con il diagonale di destro il palo della porta della L84 e due minuti dopo, lo stesso capitano, strozzava troppo il tiro al volo su angolo di Vaporaki. A sei dal termine la super occasione: Musumeci apriva per Alonso, lo spagnolo pescava il taglio sul secondo palo di Vaporaki che, a tu per tu col portiere, non trovava il tocco sotto porta decisivo. All’improvviso ecco il vento verde-oro, anzi il velluto chiamato Bocao. Il brasiliano accendeva la luce del match in maniera decisiva. Prima super “scavetto” illuminante che pescava il tiro al volo di Alonso per 1-2, poi su contropiede orchestrato da capitan Musumeci pescava il destro, bolide, che bucava, a quattro dal termine, la porta della L84 per 1-3. Piemontesi che provavano la disperata carta del portiere di movimento, ma ancora Bocao sul recupero palla dalla sua area pescava la parabola del 1-4. A uno dalla fine stesso spartito e stavolta era Vaporaki a disegnare la traiettoria perfetta con la porta sguarnita chiudendo 1-5 e una super gara. Partiva con la quarta ingranata la Meta Catania Bricocity che apre il suo campionato con una vittoria fatta di volontà, muscoli e colpi. Un super Bocao autore di una doppietta e primi tre punti in classifica in vista della gara e dell’esordio al PalaCatania venerdì 30 settembre ore 20:30 contro Pescara

L84-META CATANIA BRICOCITY 1-5 (1-1 p.t.)

L84: Pedro Henrique Siqueira, Tuli, Josiko, Cuzzolino, Vidal, De Felice, Lucas Siqueira, Cerbone, Turmena, Vidal, Egea, Pazetti, Luberto. All. Alfredo Paniccia

META CATANIA BRICOCITY: Tornatore, Bocao, Vaporaki, Podda, Musumeci, Podda, Messina, Silvestri, Juan Alonso, Corallo, Licandri, Dovara. All. Carmine Tarantino

MARCATORI: 11’25” p.t. Podda (M), 12’36” Josiko (L), 13’18” s.t. Juan Alonso (M), 15’19” Bocao (M), 16’45” Bocao (M)

AMMONITI: Tuli (L), Podda (M), Juan Alonso (M), Turmena (L), Corallo (M), Vidal (L), Cuzzolino (L)

ARBITRI: Simone Zanfino (Agropoli), Andrea Saggese (Rovereto), Fabio Mavaro (Parma); CRONO: Andrea Antonio Basile (Torino)

Ufficio stampa

 





Pubblicità