skin adv

Eur Massimo, il nuovo ruolo di Blasimme: "Allenare i portieri è stimolante"

 14/11/2019 Letto 609 volte

Categoria:    Serie C1
Autore:    Alessandro Pau
Società:    EUR MASSIMO





Al termine della sua carriera da giocatore, Matteo Blasimme ha deciso di cambiare veste, diventando preparatore dei portieri dell’Eur Massimo. I frutti non stanno tardando ad arrivare, ma il campionato è ancora lunghissimo.

NUOVA VITA - Dopo aver trascorso una vita intera a difendere i pali in campo, ora per Blasimme è tempo di spostarsi dietro le quinte, allenando chi poi andrà ad eseguire ciò che ha fatto lui fino a pochi mesi fa. La società è sempre la stessa: quell’Eur Massimo che tanto lo ha fatto crescere. “È un’esperienza che mi sta dando molti stimoli - esordisce -, mi piace condividere il tempo e lavorare con i portieri della squadra. Poter far parte dello staff di mister Minicucci è per me motivo di grande orgoglio, visto che è un allenatore che ha cambiato radicalmente il modo di pensare da giocatore. Approfitto dei suoi consigli anche ora che ricopro un altro ruolo”. In quanto preparatore dei portieri, Blasimme traccia un bilancio sul lavoro degli estremi difensori neroverdi: “Sono molto contento di loro. Purtroppo abbiamo perso Capozzi per un infortunio abbastanza serio, ma per quanto riguarda Imparato non posso che essere soddisfatto. Il suo rendimento è sempre alto e ha una grandissima voglia di migliorarsi”.

STRADA LUNGA - Nonostante l’Eur Massimo sia saldamente in testa al girone A di Serie C1, Matteo Blasimme è consapevole che la strada è ancora lunga: “La squadra sta crescendo sempre di più e i ragazzi sono disponibili e concentrati su tutto quello che il mister chiede. Sanno che il percorso è ancora lungo e non abbiamo ancora fatto niente”. Sabato al To Live andrà in scena il derby col Grande Impero, sfida attesissima e dal valore inestimabile: “Arriviamo a questa gara con la consapevolezza di incontrare una formazione che, dopo un inizio stentato, ha trovato la sua continuità - prosegue il preparatore dei portieri -. Abbiamo grande rispetto per l’avversario: sarà sicuramente una bella partita, probabilmente con un livello al di sopra di quello della categoria. Siamo sereni, il gruppo sa cosa vuole vedere il tecnico in campo”.

SOCIETÀ - Se l’Eur Massimo può contare su una squadra e uno staff di così alto livello, lo deve sicuramente alla dirigenza, come spiega lo stesso Blasimme: “La società ha un organigramma di altissimo profilo. Questo grazie al presidente Andrea Cirillo, ma anche a Gianluca Rubeo, Edoardo Viti e Giacomo Padellaro. Cirillo - continua -, lo conosco da 30 anni, ed è una persona umanamente immensa. Sta mettendo dentro questa società tutta la sua capacità imprenditoriale, di questo tutti noi gliene siamo grati. Lavorare in una società così ben strutturata - conclude -, giova a tutti, dai giocatori a noi dello staff”.




Alessandro Pau





Pubblicità