skin adv

Ecocity, Angeletti traccia il bilancio: “Abbastanza positivo. Anno complicato”

 20/11/2020 Letto 218 volte

Categoria:    Serie B
Autore:    Alessandro Pau
Società:    ECOCITY CISTERNA





Tre vittorie e una sconfitta, nove punti e tre lunghezze dalla capolista Sala Consilina. Questi i numeri delle prime uscite stagionali dell’Ecocity, ora costretto a fermarsi a seguito della rimodulazione dei calendari stabilita dalla Divisione Calcio a 5.

BILANCIO - Dopo quattro partite disputate e cinque giornate di calendario, l’Ecocity si trova al secondo posto del Girone F di Serie B, con tre punti in meno dello Sporting Sala Consilina. “Il bilancio è abbastanza positivo - spiega il mister biancoceleste Luca Angeletti -. È un anno complicato per via dell’emergenza sanitaria. Abbiamo vissuto settimane complesse anche in virtù delle tante assenze nel gruppo squadra e delle partite che fino all’ultimo momento posso saltare”. L’unico stop è avvenuto in casa dello Spartak C5, in una sfida in cui i cisternesi si sono presentati con gli uomini contati: “I tre punti di Caserta dovevano arrivare al di là delle assenze - afferma Angeletti -. Potevamo concretizzare ciò che è stato costruito in campo ma così non è stato. Questa gara ci ha fatto comprendere, semmai ce ne fosse stato bisogno, che dobbiamo affrontare ogni singola partita con il cinismo e uno spirito agonistico elevato”.

NORMALITÀ - La Divisione Calcio a 5 ha stabilito lo stop alla Serie B per la rimodulazione del calendario e, contestualmente, il recupero delle tante gare rinviate in queste prime giornate. L’Ecocity dovrà recuperare solo la sfida contro il Leoni Acerra: “Penso che la situazione non sia delle migliori e che il gran numero di partite da recuperare potrebbe pesare sulla regolarità del calendario - ammette il tecnico dell’Ecocity -. Ci auguriamo tutti che si possano trovare delle soluzioni per salvaguardare la salute delle persone e la continuità della stagione. Viviamo alla giornata - conclude -, nella speranza che si torni presto a una normale quotidianità”.


Alessandro Pau





Pubblicità