skin adv

Il Valentia si fa forza. Fiorani: “Qui si respira aria di speranza”

 24/01/2021 Letto 318 volte

Categoria:    Serie C1
Autore:    Alessandro Cappellacci
Società:    VALENTIA





Non è sufficiente un Dpcm per assopire la voglia di futsal in casa Valentia. Il divieto esteso fino al 5 marzo di svolgere gli allenamenti collettivi nel “provinciale” e “regionale”, infatti, non ha affatto destabilizzato l’unione ferrea del club giallorosso. “Siamo più uniti che mai, questo è il pensiero che mi passa per la mente da un po’ di tempo”, esordisce il direttore sportivo Manuel Fiorani.

LA SITUAZIONE - Il legame che si è creato in Via Antonio Panizzi è talmente forte, che il calcio a 5 passa quasi in secondo piano. “Stiamo trascorrendo un lungo periodo, ormai, senza poter praticare lo sport che amiamo - spiega -, ma quello che ci manca, soprattutto, è lo stare insieme: la partita del fine settimana, la stretta di mano con un genitore, l’abbraccio a un compagno dopo la vittoria o la pacca sulla spalla dopo una sconfitta”. Bei gesti, il cui solo ricordo è sufficiente a infondere rinnovata forza alla società presieduta da Roberto Ronchi. “L’aria che si respira ha il profumo di speranza, la stessa che ci consente di andare avanti e di continuare a inseguire i nostri sogni - dichiara -. Tutte le categorie, mantenendo le dovute precauzioni, sono sempre al lavoro, così da farsi trovare pronte non appena questo maledetto virus mollerà la presa”.

RINGRAZIAMENTI - Fiorani, inoltre, si sofferma sulle giovanili, il fiore all’occhiello del suo amato club. “Il mio primo ringraziamento e i miei complimenti più grandi vanno a tutte le famiglie dei nostri tesserati - sottolinea -. I genitori, infatti, sono sempre presenti e sanno benissimo che lo sport è una parte fondamentale della vita dei loro figli”. Il diesse, perciò, ribadisce tutta la sua gratitudine per i padri e le madri dei piccoli campioni giallorossi: “Grazie, perché non ci sarebbe il Valentia senza i nostri fantastici ragazzi - afferma -. Grazie a ognuno di voi, dal più piccolo topolino al più grande della Serie C1. Grazie per tutto l’impegno che ci state mettendo”. Ultimo, ma non per importanza, l’intero staff: “Li ho lasciati alla fine - chiosa -, ma solamente perché vorrei fare un ringraziamento speciale a Marianna, Matteo, Marco B., Vincenzo, Niccolò, Simone, Daniele, Francesco, Valerio, Angela, Gianluca e Roberto. Tutti loro, con la massima dedizione, hanno riorganizzato gli orari e gli allenamenti. Grazie”. Dovessero susseguirsi parecchi altri mesi senza futsal, il Valentia saprà aspettare. Più unito che mai.


Alessandro Cappellacci





Pubblicità