skin adv

Filosofia Bellarte: "Voglio un'Italfutsal allargata. La creazione degli idoli"

 08/03/2021 Letto 600 volte

Categoria:    Nazionale
Autore:    Redazione
Società:    ITALIA





I risultati sono una priorità, altrimenti niente ribalta europea o - quando sarà - mondiale. Oltre i risultati, però, c'è la filosofia di un commissario tecnico deciso a perseguire due strade per la rinnovata Max Italia. E' un Bellarte deciso e sereno alla vigilia di Italia-Belgio, match che potrebbe regalare l'aritmetico pass per Olanda 2022 nel caso in cui oggi il Montenegro non dovesse vincere in Finlandia e domani (ore 19, diretta su Raisport HD) gli Azzurri facessero risultato pieno coi Diavoli Rossi.
 
MURILO E DE MATOS TOP Il Filosofo di Ruvo non si ferma alle Qualificazioni Europee e allarga i suoi orizzonti. "Voglio un gruppo squadra allargato, dove vi sia senso di appartenza - dice in conferenza stampa - tutti si devono sentirne parte per difendere i colori della maglia Azzurra". Nella Max Italia, il "vecchio" e il nuovo. Non si era mai visto un Murilo così performante dal punto di vista dei gol in regular season: addirittura 20 in 22 giornate di campionato. Per Bellarte, nessuna sorpresa: "L'ho allenato per sei anni, so bene quello di cui è capace, è da tempo ai vertici del top, conosco la sua leadership, è un difensore che mi piace sempre avere in squadra". Non si era mai visto nemmeno un Cainan de Matos così al top. L'annata in Spagna da vice campione con il Viña Albali Valdepeñas lo ha reso ancora più competitivo. "Io l'ho seguito di riflesso - continua Bellarte - con la Finlandia ha giocato da difensore, può fare il pivot, è duttile tatticamente e si possono sfruttare al meglio le sue caratteristiche, fa molto bene al gruppo squadra". Last but not least un altro aspetto che va oltre i risultati e spiega la Filosofia di Bellarte in ottica Max Italia, quattro giocatori di A2 in Nazionale: Arillo (FF Napoli), Achilli e Alessio Di Eugenio (Olimpus Roma), Podda (L84). "Mi piace molto l'idea di creare un esempio o degli idolo da poter emulare. Avere a che fare con questi giovani - conclude Bellarte - è uno dei miei scopi da cittì".
 
Redazione C5Live




Pubblicità