skin adv

Futsal, Di Felice, Montemurro: Caridi dice tutto. "Divisione? No al dipartimento"

 11/07/2020 Letto 712 volte

Categoria:    Vari
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    VARIE





Martedì 7 luglio 2021, una data che passerà alla storia del futsal: decade l'ultimo Direttivo, Divisione commissariata, tutto nelle mani di Giuseppe Caridi. "Un commissariamento non è mai una bella cosa, questo deriva da più passaggi ispettivi che non ho effettuato io". Il "numero uno" momentaneo del calcio a 5 abbassa i toni, spiega la situazione con frasi distensive, nella sua prima intervista su Tuttosport. 
 
IL COMPITO "Io ho ricevuto un mandato molto chiaro e cercherò di fare del mio meglio per portare il calcio a 5 alle elezioni nel momento ín cui ci saranno tutti i presupposti per poterle fare, con persone di qualità, dando la possibilità alle società dl scegliere le persone giuste che possano ridare slancio a questo sport bellissimo". Caridi "presidente" pro tempore, dunque. "Non ho intenzione di presentarmi alle future elezioni - assicura - posso dare una mano senza affezionarmi alla sedia. Non ho avuto alcun mandato di trasformazione della Divisione in dipartimento. Ho avuto il mandato di mettere a posto, dove c'è bisogno, tutte le realtà ei servizi che la Divisione deve alle società. Le società meritano un servizio di livello. Ho incontrato il personale e sono tutte persone serie, preparate e motivate. Siamo pronti per questo periodo importante".
 
IL CASO Un comunicato senza la firma dello storico segretario Fabrizio Di Felice ha fatto sorgere una domanda spontanea, montando un caso. "Al momento non è stato sollevato dal suo incarico. Il comunicato di due giorni fa - rimarca Caridi - è firmato dame in quanto atto dovuto, visto che ricopro la carica di commissario straordinario. Accetterò qualunque decisione prenderà, perchè mi sembra corretto farlo". Chiosa su Andrea Montemurro. "In certi campi ha qualità inarrivabili mentre in altri non è il suo mestiere - conclude - il Consiglio Direttivo uscente aveva grandi professionalità che si sono accavallate e altre non erano presenti".
 
Redazione C5Live




Pubblicità