skin adv

Luparelli e l'amore di una vita: "Voglio aiutare il Don Bosco con la mia esperienza"

 04/11/2020 Letto 337 volte

Categoria:    Serie D
Autore:    Redazione
Società:    DON BOSCO CINECITTA





Tra i volti del Don Bosco Cinecittà, c'è un laterale da anni nel mondo del futsal regionale: è Matteo Luparelli, entusiasta di far parte di un progetto che valorizzi il luogo dove è nato: “Qui siamo tutti amici - esordisce -, ci conosciamo fin da quando siamo piccoli e siamo cresciuti insieme. Sono felice di poter giocare per la squadra del mio quartiere, nell’oratorio dove abbiamo passato la nostra gioventù”.

IL PERSONAGGIO – Il vissuto sportivo di Matteo è un libro pieno di storie: Luparelli inizia a giocare a 19 anni con il Settecamini in C1, vincendo sia campionato che coppa nella stessa stagione. Successivamente, milita in diverse squadre, tra cui lo storico L'Acquedotto, il Palestrina e poi il Ciampino, con cui conquista la promozione in C1. Ora, il ritorno a casa: “Al Don Bosco ritrovo tanti amici, compreso il tecnico con il quale giocavo negli anni dell’Acquedotto e ho un rapporto idilliaco”. Le intenzioni sono chiare: “Sono qui per mettermi a disposizione e aiutare la società ad andare sempre più avanti. La mia esperienza aiuterà il gruppo a crescere sempre di più”. Il campo, per ora, deve aspettare: “Ci sono stati molti casi di coronavirus nel quartiere, abbiamo deciso di allenarci individualmente per tenerci sempre pronti a un’eventuale ripartenza. Non vediamo l’ora di poter ricominciare”.


Edoardo Morandini





Pubblicità