skin adv

Regalbuto, nessun calo. Reali: “Stiamo bene e possiamo battere il Cosenza”

 02/12/2021 Letto 466 volte

Categoria:    Serie A2
Autore:    Antonio Iozzo
Società:    REGALBUTO





Due punti nelle ultime tre partite. Ma nessun campanello d’allarme, parola di Fabrizio Reali, che analizza il momento della sua squadra in vista del big match contro la capolista Cosenza. L’occasione giusta per dimostrare a tutti che il Regalbuto è più vivo che mai.

“Sono arrabbiato per il risultato, non certo per la prestazione”, spiega il tecnico tornando sul pareggio esterno con l’Orsa. “Una gara controllata e dominata fino a sei-sette minuti dalla fine. Se vai avanti 2-0 e poi 3-1, la devi portare a casa. Abbiamo gettato al vento due punti, l’unico rammarico è questo”. Il tecnico respinge l’ipotesi di un calo: “Abbiamo giocato sei partite, di cui quattro in trasferta, e siamo comunque quarti, dietro a formazioni che hanno disputato più gare di noi - sottolinea -. In questo periodo, alcuni episodi ci girano male, ma l’unica prova sottotono, forse,  è stata quella a Capurso. Per il resto, come detto, ci mancano i due punti di sabato scorso. Se stessimo a 13, non credo che nessuno direbbe nulla sul nostro cammino”.

Il vero problema, al momento, riguarda la fase realizzativa: “Sbagliamo gol assurdi, anche sulla linea di porta - l’amarezza dell’allenatore romano -. Fatichiamo nell’ultima scelta: quando calciare, come calciare, se passare il pallone. Spesso tiriamo addosso al portiere, invece di alzare la sfera o cercare il dribbing”. Al Regalbuto mancano i gol: “Questo il nostro limite attuale - ammette Reali -. Segniamo troppo poco per quello che creiamo”.

Un limite da colmare al più presto, anche perché sabato prossimo al Pala Giovanni Paolo II arriverà la capolista: “Affronteremo la formazione più attrezzata del campionato, ma noi siamo pronti e in casa riusciamo sempre a dare qualcosa in più, grazie anche ai tanti ragazzi regalbutesi presenti in rosa”. Reali non fa calcoli: “Nell’ultima partita ci siamo giocati un jolly, quindi contro il Cosenza dobbiamo vincere. Se vogliamo competere ai massimi livelli, ci servono i tre punti - conclude -. Non possiamo accontentarci del pareggio”. Nessun calo, nessuna crisi. Battere la prima della classe sarebbe il modo migliore per dimostrarlo.   


*Foto Cinzia Labruna
Antonio Iozzo




COPIA SNIPPET DI CODICE

Pubblicità