skin adv

Ercolessi, Mammarella o altro: chi sarà il capitano della Max Italia?

 24/09/2020 Letto 746 volte

Categoria:    Nazionale
Autore:    Redazione
Società:    ITALIA





Il primo raduno di Novarello ha dato vita ufficialmente alla Max Italia. Bellarte successore di Alessio Musti, con tanto di rinnovamento anche nello staff tecnico: Vanni Pedrini assistente del Filosofo di Ruvo, Luca Mangiatordi preparatore atletico, portieri a Luca Chiavaroli. Sei novità assolute nelle prime convocazioni del Filosofo di Ruvo: Matteo Esposito e Motta del Lido, Tonidandel del Pesaro (già capitano degli Azzurrini U21), Dudu e Rafinha Rizzi dell'A&S, Kevin Rivella dell'Orange Futsal, quest'ultimo il più giovane (classe 2001) del nuovo gruppo. Si sa anche che la Nazionale è inserita nel girone di qualificazione ad Euro 2022 con la "bestia nera" Finlandia, una fra Montenegro e Lituania, con quel Belgio contro cui debutterà a dicembre. Manca solo una risposta a una domanda che ora sorge spontanea: chi sarà il capitano della Max Italia?
 
LE SCELTE DI BELLARTE possono andare in tre direzioni. La prima segue il naturale sentiero della continuità. Fascia a Marco Ercolessi: persona eccezionale fuori dal campo, capitano vero con Musti dentro il rettangolo di gioco, recordman di presenze (137, con 17 reti) in Nazionale. Ma Marco Ercolessi da Abano Terme (passato in estate da Eboli ad Avellino) non è stato convocato da Bellarte per il raduno di Novarello: se dovesse rivelarsi un'esclusione definitiva, per favore un po' di onore al merito, basta coi misteriosi silenzi assordanti, ci si aspetta dalla FIGC - in primis - un omaggio all'altezza della sua straordinaria carriera Azzurra. Glielo dobbiamo tutti noi. La seconda strada porta al nuovo, che poi tanto nuovo non è. Stefano Mammarella da Chieti: superpapà di due figli, fortissimo anche in campo e amatissimo da tutti, uno dei pochi ad aver portato il futsal fuori dai suoi confini. Sarebbe la scelta più logica in caso di cambiamento e più osannata dai tifosi. Il numero dell'A&S ha perfino le "caps" dalla sua: è terzo nella speciale classifica delle presenze Azzurre (117, con 3 gol) dietro Ercolessi e quel Romano anche lui fuori dalla prima lista di Bellarte, per cui vale lo stesso discorso fatto per Marco. E la terza? Bellarte potrebbe stupire tutti con altro: adesso ha il potere in mano e l'ulteriore responsabilità di dare all'Italfutsal un degno capitano.
 
Redazione C5Live
*Foto: Getty




Pubblicità