skin adv

Max Italia: col vecchio abbiamo fallito, ora il nuovo. Bellarte e il Kazakhstan

 27/01/2022 Letto 1543 volte

Categoria:    Nazionale
Autore:    Redazione
Società:    ITALIA





Il vecchio lo abbiamo visto ed è francamente passato di moda. Non vinciamo una partita agli Europei da 6 anni e negli ultimi 8 non c’è stato nessun paventato ricambio generazionale, fin quando non è arrivato Max, che ha trasformato l’Italfutsal nella Giovine Italia, la terza Nazionale con l’età media più bassa a Olanda 2022.

ALLA VIGILIA della sfida spartiacque contro il gigante Kazakhstan, semifinalista mondiale, una delle accreditate al successo finale, Bellarte va a caccia dell’impresa, perché come se non bastasse la fama che precede Higuita e soci, noi dobbiamo vincere per essere sicuri del passaggio del turno, obiettivo alla vigilia. “La partita l'abbiamo preparata come sappiamo, sottolineando i nostri punti di forza e ponendo l'attenzione alle soluzioni ai problemi da risolvere e ai dettagli. Dobbiamo riuscire a giocare con la mente sgombra e con spensieratezza? Sì, ma non basterà solo questo: siamo una squadra nuova, fin qui abbiamo fatto cose buone, dovremo farne altre per accelerare questo processo".

SENZA Mammarella (Pietrangelo sembra in vantaggio su Berthod), Motta e lo squalificato Dudu Rech, gli Azzurri si poggeranno chiaramente su Babalù Merlim, che con il gol alla Slovenia ha raggiunto Edgar Bertoni e Saad (con 44 gol) al sesto posto della classifica all time dei migliori marcatori Azzurri. Bellarte va oltre ciò che considera come miglior giocatore al mondo. “Ho sempre pensato che per ottenere un risultato bisogna fare bene - chiosa Bellarte in conferenza stamp - cioè rispettando il Gioco. L'obiettivo è sempre provare a controllare il più possibile la partita. Sarà difficile, ma il nostro obiettivo è quello".

Redazione C5Live 




COPIA SNIPPET DI CODICE

Pubblicità