skin adv

Feldi, Samperi non si dà pace: "Perdere così fa male. Quante occasioni per il 4-2"

 26/06/2022 Letto 463 volte

Categoria:    Serie A
Autore:    Redazione
Società:    FELDI EBOLI





Il ritratto dell’infelicità. Lo scorso anno con il Meta Catania, una finale scudetto senza storia. Stavolta Salvo Samperi è andato a un passo dal porre fine all’egemonia dell’Italservice Pesaro. Forse non meritava di vincere gara-1 pensando alle occasioni prodotte dai biancorossi, con tre pali annesse. Ma in gara-3 è stata una Feldi Eboli praticamente perfetta.

QUANTI RIMPIANTI – Il tecnico delle Volpi ha preparato in maniera eccezionale la finale delle Finals al PalaFiera, mischiando le carte ma con gli stessi uomini, stoppando sul nascere la proverbiale aggressività dell’Italservice a inizio di ogni frazione. E’ andato tre volte meritatamente avanti. Sul 3-2 addirittura con l’uomo in più per il rosso a Borruto. Occasioni per il 4-2 della Feldi ce ne sono state in quei 2’ con l’uomo in più, perfino con la parità numerica Caponigro si è ritrovato a tu per tu con Espindola, fallendo un gol pesantissimo. Samperi non si dà pace. “Così è dura mandarla giù - ammette Samperi a fine gara - così fa male. Contro questo Italservice Pesaro non puoi sbagliare certe occasioni. In complimenti fanno piacere, ma volevamo e potevamo vincere. Dovevamo essere più cinici e fare quel 4-2”. Chissà come sarebbe andata a finire, non si saprà mai.

Redazione C5Live





Pubblicità