skin adv

Switch Pescara: "Adesso siamo un gruppo unico. A Padova per vincere ancora"

 19/11/2021 Letto 272 volte

Categoria:    Serie A
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    PESCARA FUTSAL





Esame Petrarca per il Futsal Pescara 1997. Domani pomeriggio alle 19, la squadra di Palusci farà visita alla capolista della serie A ancora imbattuta e a punteggio pieno dopo otto giornate con 24 punti. Biancazzurri privi di Villalva, ko per un piccolo problema muscolare accusato nell’ultimo turno, ma in salute dopo le quattro vittorie consecutive infilate nell’ultimo periodo. Partita ad alta quota contro Fetic e soci, che il roster di Palusci vuole vivere senza frenesie e con la voglia di continuare il percorso di crescita avviato lo scorso settembre.

PERCORSO DI CRESCITA “Contro un avversario del genere non potrà non essere una bella partita – dice il portiere Piero Mazzocchetti, 33 anni – , ma andremo a Padova con la consapevolezza di quello che abbiamo fatto fino ad oggi e del nostro percorso di crescita. Cercheremo di dare continuità alle prestazioni e ai risultati. Credo che vedremo una gara spettacolare, per quello che si vede nell’ultimo periodo noi e il Petrarca siamo tra le squadre più in forma del campionato, una garanzia per lo spettacolo che il campo potrà offrire”. Il Futsal Pescara 1997 delle ultime quattro è tutta un’altra storia rispetto a quello visto nelle prime quattro giornate. Cos’è cambiato? “Ad inizio stagione abbiamo giocato tante partite di campionato una dopo l’altra, saltando settimane di lavoro regolari che servivano per compattarci e crescere. Appena abbiamo iniziato a lavorare con regolarità, siamo riusciti ad alzare l’intensità, è migliorato l’affiatamento e il periodo di rodaggio. Ora siamo una squadra sola e non più l’unione di due blocchi. E iniziamo a lavorare sui dettagli, ogni giorno, per continuare a crescere tutti insieme”. Per Mazzocchetti, titolare della Colormax nelle ultime cinque stagioni, dalla B alla A, un campionato da vice Mammarella. Prima a Stefano chiedeva e rubava segreti da avversario, ora condivide con lui lo spogliatoio. “E’ bellissimo, da lui si può solo imparare. Sto facendo un percorso diverso da quello che ho fatto negli anni precedenti. Ma sono qui per dare il massimo e farmi trovare pronto quando ci sarà l’occasione e se sarà necessario”. 

Ufficio stampa e Comunicazione

 




COPIA SNIPPET DI CODICE

Pubblicità