skin adv

Lazio, U19 nel girone C. Umbro: “Prevedo risultati non scontati e belle partite”

 01/12/2022 Letto 329 volte

Categoria:    Femminile
Autore:    Alessandro Cappellacci
Società:    S.S. LAZIO





Attraverso il comunicato ufficiale numero 298 del 29 novembre, la Divisione Calcio a 5 ha reso nota la composizione dei quattro gironi che compongono il Campionato nazionale Under 19 femminile edizione 2022-23. La Lazio di Giorgio Regni affronterà il cammino in regular season nel raggruppamento C insieme alle campionesse d’Italia in carica del Città di Falconara, il Pescara, il Perugia, il TikiTaka Planet e la FB5 Team Rome.

LA REGULAR SEASON - “Credo che il nostro sia uno dei gironi più tosti”, il primo commento di Marika Umbro, che prosegue: “Non ho mai giocato contro TikiTaka e Pescara, ma, da ciò che so, dovrebbero essere delle belle formazioni da aggiungere, poi, a Perugia, FB5 e Falconara, che di certo non sono niente male”. Spettacolo assicurato, dunque, secondo il parere lo stesso estremo difensore: “Prevedo un raggruppamento molto impegnativo, con risultati non scontati e tanta voglia di vincere da parte di tutte le squadre: saranno delle belle partite”.

LE PREMESSE - Le biancocelesti, dal canto loro, si avvicinano all’imminente massima competizione giovanile in rosa forti di un ottimo preseason. “Confrontando la situazione attuale con quella di inizio anno - afferma la classe 2003 -, di certo il bilancio è positivo: le nuove arrivate si stanno ambientando sempre di più, e stiamo consolidando e dando forma agli ideali del mister Regni nel miglior modo possibile”. Il desiderio delle aquilotte, ovviamente, è quello di dire ampiamente la propria in Campionato: “Il gruppo è unito, e ha voglia di puntare in alto e fare bene quest’anno”.

UMBRO - Per il diciannovenne portiere, quella in corso si tratterà della sua ultima stagione nella categoria Under. La sua esperienza maturata finora nella cantera capitolina e in prima squadra, perciò, potrebbe rivelarsi preziosa nel supportare le giocatrici più giovani: “Non ho mai avuto la stoffa del leader e non mi sono mai sentita un punto di riferimento per qualcuno, forse per via del carattere. So per certo, però, che se una delle più piccoline venisse a chiedermi consiglio m’impegnerei per aiutarla al meglio, trasmettendole tutto ciò che so nel modo più chiaro possibile”, assicura Umbro.


Alessandro Cappellacci





Pubblicità