skin adv

Futsal Lazio Academy, Gatti è fiducioso: “Restiamo uniti e andrà tutto bene”

 07/05/2020 Letto 443 volte

Categoria:    Giovanili
Autore:    Alessandro Pau
Società:    FUTSAL LAZIO ACADEMY




Il responsabile dell’U15, Riccardo Gatti, traccia un breve bilancio della stagione della squadra e spiega come i ragazzi stanno passando questi giorni lontani dal campo. Tra allenamenti in casa e l’attesa che aumenta, i biancocelesti non vedono l’ora di tornare a giocare.

UN SALUTO - “Colgo l'occasione - esordisce Riccardo Gatti -, per salutare, durante questa surreale mancanza di sport, il Comitato, la LND Lazio e il settore giovanile del Calcio a 5 cui porgo un arrivederci a settembre. Inoltre, voglio salutare tutta la famiglia Futsal Lazio Academy di cui sono felice di far parte, dal nostro Presidente Fabrizio Ferretti agli altri soci fondatori, come me, Rino Scarabotti e Marco Palladini, oltre a tutti i dirigenti, a Dario Maggesi e ai tecnici, ai ragazzi e soprattutto alle famiglie che ci seguono in questa giovane avventura”.

BILANCIO - L’under 15 biancoceleste quest’anno ha collezionato ottimi risultati. Un’ennesima conferma del gran lavoro che il club svolge da ormai diversi anni, con la cura dei dettagli sempre al primo posto. “Come dirigente della squadra U15 - spiega -, è doveroso enfatizzare questo gruppo che si è esibito in una stagione a dir poco esplosiva, con una sola sconfitta e tantissimi gol fatti, coronata dalla convocazione di alcuni giocatori ai raduni in preparazione del Torneo delle Regioni, che poi non si è disputato. Ragazzi che avevano sofferto nella stagione precedente, ma che hanno fatto tesoro di quella utilissima esperienza e che alla lunga sono riusciti ad imporsi grazie al lavoro svolto al loro carattere e alle loro capacità tecniche”.

QUARANTENA - Ma come stanno i giovani della Futsal Lazio Academy lontani dai campi? “Ai ragazzi mi sento di suggerire di cercare di restare in collegamento tra loro e con la società, magari anche scambiandosi piccoli messaggi social. Poi - prosegue Gatti -, di non restare troppo fermi ma di organizzare giornalmente delle sedute di attività muscolare, qualunque essa sia, in casa o, per chi ne avesse la possibilità, all'aperto. Di avere fiducia nelle persone e che presto avremo sconfitto questa malattia e che si tornerà sull'erba sintetica o sul parquet. Andrà tutto bene, perché noi vogliamo che vada tutto bene”.

RIPRESA - La ripresa è lontana e la stagione che sarebbe dovuta essere in questi giorni alle sue battute finali, probabilmente non riprenderà mia. I pensieri a questo punto sono rivolti al futuro, alla prossima stagione. “Esprimo un parere personale che mi pare oggettivo: direi che non si possa più giocare per questa stagione - spiega infatti Riccardo Gatti -. Il futsal è uno sport di contatto e la sua pratica resta lontana da qualunque logica in quanto incompatibile con la situazione di oggi. Per la prossima stagione la data del rientro dipenderà da noi e da quanto siamo stati bravi”. Come sarà tornare in campo dopo tantissimi mesi di stop? “Certo, se si è stati fermi tanto tempo ci vorrà una preparazione specifica e servirà cominciare il prima possibile, virus permettendo. Ogni società avrà nel suo staff tecnici capaci di far svolgere ad ogni gruppo di giocatori un percorso di risveglio fisico e tecnico idoneo alle loro specificità. Forse - conclude il responsabile dell’U15 -, i tecnici federali potrebbero suggerire delle linee guida alle società di settore giovanile oppure potrebbero predisporre un vero e proprio manuale: il tempo in questo momento non manca”.


Alessandro Pau
 





Pubblicità