skin adv

Olimpus, formula Bencini: "Bisogna trasformare lo sponsor in partner"

 12/01/2017 Letto 390 volte

Categoria:    Serie A2
Autore:    Redazione
Società:    OLIMPUS





Da questa stagione Marco Bencini è Responsabile dei rapporti con gli sponsor in casa Olimpus. La sua attività non è solo quella di mediare con i partner della Società romana ma anche quella di costruire insieme a loro una joint venture, una serie di attività che siano utili alla loro crescita oltre che a quella del club blues.

Dall'inizio di questa stagione sei all'Olimpus. Nella società ti occupi dei rapporti con gli sponsor. Come ti relazioni con loro e quali sono, in questo senso, i tuoi obiettivi?
“Il problema principale di oggi nel calcio a 5, secondo me, è vedere quasi tutte le società comprare solo i giocatori pensando alla vittoria finale, dimenticandosi che alla base c’è bisogno di una gestione di introiti importante per sopperire a tutte le esigenze economiche; basta vedere come ogni anno alcune società spariscano dal panorama nazionale. Pertanto, credo che, in un periodo in cui le società sportive fanno fatica a generare introiti, gli sponsor diventino fondamentali al loro interno. E' importante trasformare lo sponsor in partner, fidelizzandolo e cercando di creare opportunità di fare business al fine di sviluppare una partnership pluriennale; per questa ragione, il mio rapporto con loro è quotidiano. E' un progetto molto ambizioso ma dobbiamo pensare come in altri sport, tipo nel calcio professionistico, dove le società si adoperano molto per gli sponsor e ne cercano sempre altri; anche perché l’obbiettivo mio e della Società è quello di aumentarne il numero e di migliorare il servizio che possiamo dare loro e creare con loro sotto il punto di vista mediatico"

Cosa o chi ha fatto accendere la scintilla tra te e il club di Roma nord?
“Inizialmente è stata data, inizialmente, dal mio amico Andrea Petricca e sicuramente da Daniele D'Orto, il cui nome che è sinonimo di progetto ambizioso. La decisione finale è venuta subito dopo il confronto con i vertici dell’Olimpus, Andrea Verde e Renato Serafini, persone serie di cui avevo già sentito parlare benissimo. Lo scorso anno, dopo il mio addio a marzo dalla Capitolina, in piena corsa per la vittoria in Serie B, avevo deciso di smettere con il calcio a 5 anche per motivi personali. Terminato il campionato e durante la pausa estiva, qualche società mi ha cercato, però ho preferito iniziare di nuovo da un club di livello, quale è l'Olimpus e di poter dare il mio contributo crescendo insieme a loro sia professionalmente sia umanamente. Sicuramente ho deciso di lavorare dove ho riscontrato ci fosse un progetto serio, sano e duraturo”

Qui hai trovato giocatrici e membri dello staff che conosci molto bene... Guardando al campionato, cosa ti auguri per la prima squadra maschile e femminile dell'Olimpus?
"Sicuramente lo staff di entrambe le formazioni è di primissimo livello, fermo restando che io conosco meglio quella della femminile. Per quanto riguarda la maschile, mi auguro di continuare un discreto campionato con la conferma della categoria. Nella femminile spero di vincere il più possibile: gli obbiettivi della Società sono stati dichiarati esplicitamente nel momento in cui è stata allestita la rosa”.


Paola De Biasi





Pubblicità