skin adv

Folgarella, il 'cavallino' pronto a correre ancora: “Attenzione alla Serie D”

 12/10/2017 Letto 541 volte

Categoria:    Serie D
Autore:    Marco Panunzi
Società:    FOLGARELLA 2000





'Cavallino', ritorno a casa e altre partite da vivere e giocare. Daniele Cavallo, soprannominato col diminutivo del suo cognome per un motivo anagrafico – rispetto a suo fratello Giuliano –, è pronto a vivere l'avventura in Serie D.

CATEGORIA - “Il cambio di serie non è complicato ma ci vuole sempre tempo per abituarsi, dopo tanti anni in C. Posso dire che comunque il più è stato fatto e poi per me, qui, oltre alla rosa molto competitiva che aiuta, è un ritorno a casa. Sono contento della scelta fatta e della società per la quale giocherò” commenta così Daniele il suo tuffo nel passato, il suo approdo alla Folgarella con cui condivise altre battaglie, in altri tempi. Oggi, si apre una nuova parentesi, con molte certezze. Prima tra tutte una rosa di altissimo spessore. “La squadra è forte, non ci sono compagni che considero più o meno validi. Noi ce la stiamo mettendo tutta per arrivare pronti ad affrontare il campionato. La Serie D è una categoria più complicata perché c'è il rischio di prendere alcune partite sottogamba, soprattutto per noi che abbiamo una rosa di alto livello e composta da giocatori che sono venuti a giocare in una categoria inferiore”.

NOVITÀ – Si è parlato di certezze, ma non mancano le parentesi inedite della storia. E oltre alle tante cornici nuove ce n'è una che non passa inosservata. I due fratelli non giocheranno insieme. “Sono sempre stato soprannominato 'cavallino' per il fatto che sono più piccolo di mio fratello, non è un discorso di qualità tecnica. Vero è che lui è anche più forte rispetto a me, è di un altra categoria: ma questo non l'ho mai vissuto come un problema, anzi ne sono molto orgoglioso” dice Daniele del fratello Giuliano. “Con mio fratello non ho mai sentito dualismi, siamo due giocatori completamente differenti e ognuno ha fatto il suo, in ogni squadra dove abbiamo giocato”.

Marco Panunzi




COPIA SNIPPET DI CODICE