skin adv

Perconti, Cosenza & co. vicini al giro di boa. “Potevamo avere dei punti in più”

 11/12/2019 Letto 170 volte

Categoria:    Serie C1
Autore:    Marco Panunzi
Società:    VIGOR PERCONTI





Giornata no per la Vigor Perconti sul campo del Casal Torraccia. I blaugrana, non al meglio in fase realizzativa, cadono al Parco dei Pini e patiscono il terzo k.o. negli ultimi 4 turni. Massimo Cosenza, allenatore in seconda, coglie l’occasione per tracciare un primo bilancio della stagione.

TORRACCIA - “Tutto quello che poteva andare storto è andato storto, dal primo minuto. Il Torraccia ha fatto la sua giusta e onesta partita; mentre noi, nonostante il molto possesso palla, non siamo riusciti poi a segnare molto, abbiamo avuto la sfortuna di colpire vari legni o abbiamo visto le nostre conclusioni parate dal portiere avversario”, questa l’analisi di Massimo Cosenza, allenatore in seconda della Vigor, sulla larga sconfitta maturata al Parco dei Pini. Bascià e Ciavarro hanno messo le loro firme nella sconfitta dal divario più largo finora, assieme al 6-0 patito contro l’Eur Massimo. “Bisogna, a mio avviso, aggiungere anche altri particolari. Loro sono una squadra abituata a giocare sul loro campo molto piccolo, i risultati migliori li hanno fatti in casa. Personalmente credo che su un campo del genere, dalle dimensioni molto ridotte, non si possa giocare”. Di Giuseppe e compagni hanno raccolto 9 punti in casa e altrettanti in trasferta, i dati sembrano dunque smentire i ragionamenti riguardo il fattore campo: ma è pur vero che tra le mura amiche il Torraccia ha fermato Grande Impero e Poggio Fidoni, mentre lontano dal proprio fortino si è imposto solo con squadre piazzate peggio in classifica.

BILANCIO - Il 2019 i blaugrana lo chiuderanno in casa. Gare casalinghe contro Palombara e Aranova, la prima delle quali sarà anche il giro di boa. Tempo ideale per tirare delle parziali somme sulla stagione. “Un primo bilancio? Bisogna essere soddisfatti di quanto abbiamo fatto: 19 punti, 5° posto in classifica, un buon cammino finora. Non credo che molti all’inizio pensavano che saremmo potuti essere qui a questo punto. Io invece penso che avremmo potuto fare anche meglio, penso che, tra una cosa e l’altra, avremmo potuto raccogliere quattro o cinque punti in più”. La Virtus è il primo scoglio da affrontare in ordine cronologico: un roster in un periodo di forma estremamente diverso, che nelle ultime tre gare ha racconto 8 punti in più della Vigor; ma che in trasferta fa più fatica, visto che ha messo in cascina meno della metà dei punti disponibili. “Ora viene il bello, la difficoltà aumenta. Perché le squadre hanno giocato metà campionato, si sono assestate e adesso metteranno a segno anche dei colpi nella finestra di mercato. Li faremo anche noi, per avere più turnazioni o fronteggiare delle assenze. In tal senso penso a quella del nostro presidente, Matteo Perconti, infortunatosi in maniera seria due turni fa. Un’assenza pesante, lui è prezioso per noi in campo sia a livello tecnico che come forza trascinante del gruppo”.


Marco Panunzi





Pubblicità