skin adv

Tain√£ suona la carica: ‚ÄúTikiTaka? La Lazio arriva tosta, non abbiamo nulla da perdere‚ÄĚ

 04/05/2024 Letto 279 volte

Categoria:    Femminile
Autore:    Alessandro Cappellacci
Società:    SS LAZIO





A distanza di soli diciassette giorni dal day one della Final Eight di Coppa Italia, le aquilotte riaffronteranno il TikiTaka. Lo scenario, stavolta, sarà il PalaPertini di Fiano Romano e la sfida sarà valevole per gara-1 dei quarti playoff. “La Lazio arriva tosta, come tutti gli anni, senza pensare agli infortuni o a qualsiasi alibi”, la premessa di Tainã Santos.

TIKITAKA - L’Imperatrice, al pari delle proprie compagne, è determinata a riscattare il cocente kappaò incassato sul finale di match a Campo Ligure. “Sarà un’altra partita da combattere fino alla fine - afferma l’italo-brasiliana -. In coppa ci sono stati sedici secondi a darci lo stop, spero di poter vivere qualcosa di diverso adesso”. Le capitoline, comunque sia, faranno ancora una volta i conti con una delle pretendenti più accreditate alla vittoria finale. “Giocare queste gare non da favorite, magari, può dare uno stimolo in più a qualcuna - sostiene la laterale -. Non abbiamo nulla da perdere, quindi, sicuramente, entreremo in campo con l’intenzione di fare una buona partita e regalare qualche gioia a chi ci sostiene”.

MATIJEVIńÜ - La formazione guidata da Daniele Chilelli, dal canto suo, potrà contare sulla top scorer della regular season, a cui la nativa di Cruz Alta rivolge un messaggio speciale: “Sono contenta per i trentasette gol di Tomislava Matijevińá - dichiara l’ex Falconara - e la sua conquista del titolo di capocannoniera della Serie A. Con lei ho fatto una coppia d’attacco stile Bebeto e Romário. I motivi sono tanti, ma posso elencarne tre: il primo perché una mia compagna di squadra; il secondo perché è stata a lungo sottovalutata ed è riuscita, quest’anno, a dimostrare il suo valore; terzo, ma non meno importante, è perché a livello umano persone come lei non si trovano ovunque. Anzi, non si trovano quasi mai”. L’auspicio, perciò, è che la croata continui a togliersi parecchie altre soddisfazioni. “Se l’è meritato tantissimo. Le auguro che questo sia stato soltanto il primo traguardo individuale di molti altri che verranno”, conclude la classe ’90.


Alessandro Cappellacci



COPIA SNIPPET DI CODICE











-->