skin adv

Ternana, un settore giovanile di cui vantarsi: tutti i numeri della stagione

 04/06/2018 Letto 323 volte

Categoria:    Femminile
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    UNICUSANO TERNANA





Con la finalissima scudetto Juniores si chiude una stagione esaltante per il settore giovanile femminile rossoverde. Tre in totale le categorie messe in atto dalla società con a capo il responsabile Matteo Pragliola: gli obiettivi di inizio stagione sono stati raggiunti in pieno, soprattutto grazie ai fattori numerici e qualitativi nei risultati. Riprendendo le dichiarazioni di inizio anno dello stesso Pragliola si puntava chiaramente all’elemento della crescita qualitativa della tecnica di base soprattutto a livello di scuola calcio a 5: le piccolissime sono non solo aumentate nei mesi, ma anche cresciute sportivamente parlando. Prima volta per la formazione Giovanissime, che ha disputato il campionato Esordienti Misti a nove. Un'idea dello stesso Pragliola, che all’inizio aveva destato qualche dubbio tra i più e che invece ha fatto emergere quanto sia stato importante raccogliere e mettere su un campo le possibilità di sviluppo di elementi come la fisicità e l’abitudine mentale a correre negli spazi soprattutto nell’età dello sviluppo. Campionato disputato egregiamente dove si ricordano diversi risultati positivi contro le varie formazioni maschili. Última categoria, la più grande e delicata, quella Juniores, che disputava il suo terzo campionato e che per la prima volta puntava alla finalissima scudetto. Di fatto in un campionato magro soprattutto per il livello qualitativo e di competitività: le ragazze Under 19 agli ordini di Pamela Presto e Claudia Brandolini hanno partecipato prima al neonato campionato umbro e poi al main round di qualificazione alla Final Four. Negli scorsi anni sempre finali a otto. Citando le allenatrici non si può che, ancora una volta, riprendere le parole di inizio stagione dello stesso responsabile, quando disse di puntare fortemente su chi sa insegnare e chi ha l’esperienza di spogliatoio e calcio femminile. Mai scelta è stata più azzeccata, visto che il duo ha conquistato tutte le ragazze: dalle più grandi alla più piccole oltre che alle famiglie. Infine il dato più importante ovvero quello per cui un settore giovanile esiste e ha vita: essere al servizio della prima squadra. In Serie A hanno debuttato in modo assoluto ben tre ragazze Under 19: Baldassarra (2001), Lorenzoni (2003) e Jansen (1999). Dal primo minuto il portiere Trumino (2000) ha giocato ben tre gare del campionato di Serie A e Angeletti (1999) è arrivata a quota quattro marcature. Aggregate in via sperimentale per le sedute di allenamento anche Libera (2003) e Pace (1999). Un settore giovanile che ha trovato una ulteriore crescita numerica (47 tra tesserate e partecipanti) in una stagione cruciale e che soprattutto è riuscito a concretizzare tutti i programmi di inizio stagione nonostante le difficoltà indotte e circostanziate del caso.


Ufficio Stampa Ternana