skin adv

OR Reggio Emilia, calma e sangue freddo. "Manca solo un ultimo sforzo"

 31/03/2019 Letto 169 volte

Categoria:    Serie B
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    OLIMPIA REGIUM





Nel week-end di pausa del campionato di serie B, che ripartirà sabato 6 aprile con una giornata che potrebbe diventare storica per l'OR Reggio Emilia C5, chiamata al secondo match ball promozione nella gara casalinga del PalaBigi contro Poggibonsi, è il vice presidente granata Raffaele Rizzo a tracciare il bilancio di una stagione già sensazionale per il club cittadino, non solo a livello di prima squadra.
 
RIZZO “E' vero, contro Massa abbiamo vissuto una partita dai due volti – spiega Rizzo tornando sulla gara persa contro la seconda della classe e che ha tenuto ancora aperti i giochi promozione – La gara è cambiata dopo l'espulsione di Halitjaha e Grossi, con la loro rimonta grazie al portiere di movimento. Come ha detto mister Margini, abbiamo commesso nell'occasione più errori individuali di un'intera stagione, ma non dobbiamo processare nessuno e semplicemente ripartire in vista della sfida interna con Poggibonsi. Serve solo rimanere concentrati e fare l'ultimo sforzo per conquistare l'A2”. Un'annata fantastica per l'OR, anche grazie al lavoro sul settore giovanile: “Abbiamo disputato campionati splendidi anche con le formazioni del vivaio – l'analisi del vice presidente – Dai vari staff e da tutti i collaboratori, siamo davvero soddisfatti perchè sono stati capaci di contribuire in modo determinante alla crescita della nostra famiglia: con la serie B abbiamo vinto 17 gare su 19 disputate, l'Under 17 si gioca i playoff dopo il 2° posto in campionato e ha raggiunto i quarti di Coppa, con l'Under 19 abbiamo sfiorato le Final Eight di Coppa Italia e, dopo il 3° posto in regular season, sfideremo Genova negli spareggi. Da ultimo, l'Under 21 che ha vinto Coppa e campionato. Davvero niente male...”. E la prima squadra è ricca di talenti in crescita... “Non mi piace fare nomi – sottolinea Rizzo – ma tutto ciò risulta l'espressione della continuità del nostro progetto, inteso come valorizzazione dei ragazzi e coinvolgimento dell'intero territorio, senza perdere di vista quelli che dovranno essere i traguardi. Una tranquilla riconferma anche nella categoria superiore non sarebbe male per la crescita dei nostri giovani, il futsal non è un gioco individuale ma molto di più. E' stata un'annata in un certo senso sperimentale, che ci aiuterà a capire alcuni errori commessi per evitare di ripeterli in futuro".
 
Ufficio stampa OR Reggio Emilia



COPIA SNIPPET DI CODICE

Pubblicità